Il programma condotto da Simona Ventura “selfie, le cose cambiano”, incentrato sull'obiettivo di migliorare la vita di alcune persone che, volontariamente, decidono di rivolgersi ai membri della trasmissione per modificare delle parti del proprio corpo che non riescono ad accettare oppure superare insormontabili fobie, sta subendo delle modifiche.

Risultati alquanto deludenti per le prime tre puntate di Selfie

Al momento sono state trasmesse le prime tre puntate a fronte delle sei totali previste per questa seconda edizione.

Pubblicità

I risultati, in materia di ascolti, registrati nel corso di queste prime messe in onda hanno registrato il coinvolgimento del 15% circa della popolazione televisiva italiana. Tali risultati, alquanto deludenti, nonostante la ripresa verificatasi in occasione dell’ultima puntata trasmessa lo scorso lunedì 22 maggio, hanno spinto i vertici dell’azienda produttrice, la Mediaset, ad apportare delle modifiche per cercare di risollevare le sorti dello show di canale 5.

Il consueto appuntamento previsto per il lunedì sera, infatti, non avrà più luogo. Il palinsesto ha subito delle variazioni in termini di giorno: il prossimo appuntamento con Selfie è previsto per il giorno venerdì 2 giugno.

Ecco perché "Selfie, le cose cambiano" non andrà in onda lunedì 29 maggio

Le motivazioni alle spalle di questa decisione sono molteplici. Innanzitutto, il prossimo lunedì, 29 maggio, andrà in onda un film dedicato a Falcone e Borsellino con Beppe Fiorello e, prevedibile il notevole successo che riscontrerà questa scelta della RAI, Selfie ha deciso di correre ai ripari facendosi da parte e modificando il proprio giorno di messa in onda.

La scelta è ricaduta sul venerdì, che sarà il giorno in cui verranno trasmesse tutte e tre le prossime puntate, perché l’altro ieri, venerdì 26 maggio è terminata la trasmissione in onda su RAI 1 “I migliori anni”, di conseguenza non sorge il pericolo di uno “scontro” diretto con la trasmissione di Carlo Conti e Anna Tatangelo che avrebbe potuto generare un ulteriore “fallimento” in termini di audience.

La decisione presa da Mediaset, dunque, è stata notevolmente ponderata al fine di garantire un maggiore coinvolgimento da parte del pubblico, ma la scelta si rivelerà saggia? Lo spostamento all’interno del palinsesto riuscirà a sortire l’effetto sperato? Non ci resta che attendere il prossimo venerdì per ottenere delle risposte.

Pubblicità