Paolo Villaggio è morto e con lui, si chiude un capitolo importante della storia del Cinema italiano. Aveva 84 anni, genovese di origine, è stato parte integrante di quella commedia Made in Italy che ha divertito – tra battute sarcastiche e circostanze improbabili – tante generazioni. Il nostro Paese oggi piange quel Ragionier Ugo Fantozzi che incarnava – seppur in modo grottesco – la figura dell’italiano medio, quell’impiegatuccio d’ufficio unico, inimitabile. Era riuscito nell’intendo di rendere un uomo ordinario, straordinario, tra mille sfaccettature e gag esilaranti.

In coppia con Gigi Reder (Il ragionier Filini), avevano creato due personaggi familiari e autentici. In questo giorno di lutto per in nostro cinema, Milena Vukotic e Anna Mazzamauro rispettivamente la Signora Pina e la Signorina Silvani, ricordano con immenso affetto quell’uomo che è andato via in silenzio, lasciando un incolmabile vuoto.

Paolo Villaggio morto per complicanze da diabete

Paolo Villaggio, genio della comicità è stato l’ultimo grande attore della “vecchia guardia”: complicanze dovute al diabete curato poco e curato male – fanno sapere i figli – hanno portato via un vero e proprio monumento del cinema italiano.

Ha recitato con tutti i più grandi: da Vittorio Gassman a Roberto Benigni con cui recitò nella pellicola La Voce della Luna ultimo capolavoro di Fellini. Ha recitato per Olmi, Monicelli e Neri Parenti. Amico di Fabrizio De André per cui scrisse La Ballata dell’amore perduto, è sempre stato un personaggio piuttosto schivo: ha sempre cercato di mantenere in certo riserbo e se sul grande schermo era un’esplosione di comicità, nel privato era una persona piuttosto semplice.

Durante un’intervista a Io Donna nel 2004 alla domanda “Il suo sogno di felicità?” Paolo Villaggio rispose: “L’ho realizzato vivendo in maniera abbastanza straordinaria”.

Paolo Villaggio, il ricordo dell'amico Lino Banfi

Paolo Villaggio viene salutato da tutti i suoi colleghi, non ultimo Lino Banfi che lo ha ricordato attraverso la sua pagina ufficiale di Facebook: “Caro Paolo l'avventura comincia ad essere dura anche per me – ha scritto l’attore pugliese - Insieme abbiamo fatto ridere l'Italia intera.

Prepara il set per far ridere anche quelli lassu', poi ci vediamo, ma senza fretta”. La camera ardente sarà allestita mercoledì in Campidoglio, lo hanno fatto sapere i figli Elisabetta e Piero avuti dall’unica donna che abbia mai amato, Maura Albites.

Segui la nostra pagina Facebook!