Sono stati mesi turbolenti per la nota serie televisiva Sense8: dopo la produzione di due stagioni - le quali hanno ottenuto, tutto sommato, un discreto successo - Netflix, la piattaforma di streaming on-demand più famosa al mondo, ha deciso di cancellare la serie. Innanzitutto la scelta è stata dettata dagli elevati costi: si parla, in media, di un budget di nove milioni di dollari ad episodio - ed essendo stati finora girati 23 episodi, non è difficile farsi un'idea dell'enorme spesa che la serie ha comportato.

Complice, tra le altre cose, di un costo tanto elevato è stata la dislocazione delle riprese in 16 città sparse per il mondo: da Chicago a Seul, da Mumbai a Londra, da San Paolo a Nairobi, in tutto sono stati interessati 13 paesi diversi in America, Europa, Asia e Africa. D'altra parte ad un investimento economico di tale portata non è corrisposto, a detta di Netflix, un numero di ascolti soddisfacente: questo è uno dei principali motivi per cui è stato dato lo stop alla produzione della terza stagione.

In seguito alle proteste dei fan, che hanno promosso addirittura una petizione sulla nota piattaforma Change.org, Netflix, sebbene non sia disposta a fare marcia indietro, ha accordato la produzione di un episodio conclusivo, uno speciale dalla durata di due ore, in modo da potere perlomeno concludere la storia. Ma, nel frattempo, è arrivata una nuova proposta, del tutto inaspettata.

L'inaspettata proposta di xHamster

Alex Hawkins, vice presidente del sito hard xHamster, ha recentemente pubblicato una lettera aperta indirizzata alle sorelle Lana e Lilly Wachowski, produttrici della serie, per offrire loro un'alternativa: la produzione della terza stagione e la diffusione di questa proprio su xHamster.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV

E non si tratterebbe della produzione di una parodia, ci tiene a precisare Hawkins, ma di una vera e propria continuazione della serie.

Per quanto la proposta possa apparire insolita, non dobbiamo dimenticarci che anche Netflix cinque anni fa non fu presa sul serio quando dichiarò di volersi cimentare nella produzione di serie televisive proprie. Perché non dovremmo dunque credere che una piattaforma altrettanto nota non possa fare lo stesso?

Del resto, ricorda Hawkins nella sua lettera, xHamster è uno dei siti web più trafficati al mondo: ogni giorno conta più visitatori del New York Times, di ESPN e di Daily Mail.

Senza contare che il famoso sito porno, in quanto sostenitore di un ideale di sessualità più libera e non-normativa, può diventare davvero la piattaforma ideale per una serie come Sense8, sensibile a temi quali identità di genere e orientamenti sessuali non convenzionali, diritti LGBTQ, lotta contro l'omofobia e contro qualunque discriminazione di genere e razza.

Temi che su altri network più "ufficiali", tra cui Netflix, rischierebbero di avere vita difficile tra censure, modificazioni della trama ed "edulcorazioni" di ogni tipo.

Nell'attesa del verdetto finale da parte delle sorelle Wachowski in merito all'accogliere o meno la proposta di xHamster, rimangono aperti alcuni interrogativi: l'eventuale spostamento della serie ad una piattaforma non convenzionale comporterà cambiamenti - se non addirittura stravolgimenti - di trama?

Quale sarà la reazione del pubblico? I fan della serie accoglieranno favorevolmente questa novità? Ma forse è ancora troppo presto per porsi domande del genere. Per il momento, non possiamo fare altro che aspettare.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto