In data 17 marzo 2018, è andata in onda la nuova puntata del talent-show più seguito dal grande pubblico italiano, 'Amici di Maria De Filippi', nel corso della quale gli allievi della scuola più spiata d'Italia, Einar e Carmen, si sono sfidati a colpi di note per ottenere la prima maglia per l'accesso al serale.

Einar batte Carmen, nonostante una sfida sottotono: la polemica e la lettera dedicata all'amico segreto

Lo scorso sabato pomeriggio, è stata trasmessa su Canale 5 la nuova puntata di 'Amici Di Maria De Filippi', il talent-show più amato dal grande pubblico italiano, giunto quest'anno alla sua diciassettesima edizione consecutiva.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Amici di Maria

Ebbene sì, la nuova puntata del format targato 'Mediaset', condotto dall'inarrestabile consorte di Maurizio Costanzo, ha decretato i nomi dei primi due allievi che faranno accesso al serale del talent-show.

Il nuovo appuntamento televisivo di 'Amici 17' ha visto il cantante Einar sfidare la cantante Carmen: è stata una sfida turbolenta per l'allievo di origini cubane [VIDEO], il quale, in diversi momenti della sua sfida canora, non è riuscito a tenere a bada la sua emotività, trattenendo a stento il pianto durante l'esecuzione di diverse canzoni. A giudicare l'esame sostenuto da Einar e Carmen, è stata la direttrice-marketing di 'Warner Music Italia', Sara Andreani, la quale ha decretato la vittoria di Einar Ortiz su Carmen Ferreri, un esito che è stato fortemente contestato da molti telespettatori del talent-show. ''Un cantante deve emozionare e non emozionarsi sul palco', queste ultime sono le parole riportate per iscritto in un post pubblicato da un utente-social, non appena appresa la notizia dell'accesso al serale conseguito dal cantante dagli occhi blu-mare.

Tra le canzoni eseguite, Einar ha esibito 'Difendimi per sempre ' (Tiziano Ferro), 'Falco a metà' (Gianluca Grignani), 'Portami via' (Fabrizio Moro), brani che richiedono massima comprensione del testo e soprattutto impeccabile interpretazione.

''Caro amico mio, gran parte della mia storia la sai già, voglio evitare di raccontartela; io sono cresciuto molto, inizio ad essere un uomo; ho imparato a strimpellare la chitarra da solo, leggendo un libro, non sapevo fare molto, ma quello che sapevo fare sapeva farmi stare bene. La chitarra mi faceva stare sempre bene, iniziai ad andare al karaoke, così mi sentivo bene. Un giorno ti porterò con me, così ci facciamo una cantata insieme. Non ho mai creduto di diventare un cantante, l'ho sempre fatto come sfogo. Questa è una scuola dove sto imparando a cantare, sto imparando a cambiare di me questo modo di giudicarmi e di sottovalutarmi. Io credo di potercela fare: il serale durerà 2 mesi e sarà un percorso impegnativo, ed io ho un po' paura. Vorrei tu potessi sentire i miei due inediti passati in radio.

Tutti dicono che io sia un papabile vincitore, ma anche se non dovessi vincere sarei fiero di me, e sono onesto: non mi importa vincere. Se avessi la fortuna di vincere, lo dedicherei a me e a te. Sono uguale a te, T.V.B. amico mio, mi manchi'', queste ultime sono le struggenti parole rilasciate per iscritto da Einar Ortiz, in una lettera destinata al suo 'amico segreto', [VIDEO] che in realtà è il padre defunto del cantante bresciano.