Cosimo Cinieri ci ha lasciato. L'artista, 81 anni, è mancato ieri mattina, dopo una lunga battaglia contro una malattia che non è riuscito a vincere. L'attore pugliese è venuto a mancare a un giorno dal suo compleanno; nato com'era il 20 agosto 1938. La Sala del Carroccio al Campidoglio ospiterà la camera ardente il 21 agosto alle ore 16. Qui amici, famigliari e conoscenti potranno dare un ultimo saluto a Cosimo, simbolo di un'intera epoca del Cinema italiano. A seguire dalle ore 18, ci sarà la sua commemorazione dove interverranno diversi personaggi tra i quali: Nicola Vicidomini, Pasquale Panella e Bibiana Carusi.

Cosimo Cinieri: una carriera ricca e appassionante fatta di teatro e cinema

Cosimo studiò recitazione a Roma a partire dal 1961, insieme a lui c'era anche Alessandro Fersen. I due nel 1963 ottennero il diploma ed entrarono nel mondo dello spettacolo. Cinieri riusci a mettersi subito in mostra come regista e drammaturgo. Diventò uno degli uomini più apprezzati nel mondo teatrale; più tardi abbracciò anche il mondo del cinema dove incontra e crea rapporti con diversi attori e sceneggiatori tra cui Carlo Quartucci. Sua moglie Irma Immacolata Palazzo era una poetessa ed una regista; insieme diressero per diversi anni la Compagnia Teatrale Cinieri-Palazzo.

Come regista e attore, Cinieri era unico. Probabilmente l'unico che riusciva ad accostare temi apparentemente inavvicinabili come solitudine e avventura, sperimentazione e poetica, linguaggio e sentimento.

Egli era unico, in quanto riuscì a percorrere strade artistiche per molti impraticabili e secondarie, tirando fuori sempre nuovo idee appassionanti. Cinieri ebbe una delle carriere più ricche e appassionanti del cinema italiano; egli è riuscito a lasciare una traccia indelebile nel mondo dello spettacolo.

Diversi sono stati i riconoscimenti negli anni che egli ottenne sia come attore e regista sia come persona. Tra questi riconoscimenti possiamo citare il Biglietto D'oro a Taormina Arte, il Premio Ovidio d'argento come miglior attore al Sulmonacinema Film Festival per il Pizzicante e ancora il Premio Blu come miglior attore non protagonista nell'Otello, film di Carmelo Bene.

L'ultimo progetto di Cinieri in onore di Ermaso Iacovone

L'ultimo dei suoi progetti fu Past Forward; ben nove cronometraggi realizzati da Apulia Film Commision. Le vicende di questi cronometraggi furono ambientate in Puglia: Cosimo Cinieri interpretava Iaco, colui che all'interno della storia racconta di Ermaso Iacovone, fragile attaccante morto a soli 25 anni. Per onorare il suo ricordo venne dato il suo nome allo stadio della città.

Segui la pagina Anticipazioni Tv
Segui
Segui la pagina Gossip
Segui
Segui la pagina Cinema
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!