Ha fatto scalpore la notizia dello Stop del Tar alle passeggiate sulle mura di Pisa, da poco aperte al pubblico dopo un lungo e costoso restauro che aveva ripristinato il passaggio dalla Torre Santa Maria a Piazza delle Gondole e alla cui giornata inaugurale avevano partecipato ben 12.000 visitatori entusiasti.

Dopo le immediate lamentele sette cittadini, residenti lungo le mura, sono passati all'azione, sostenendo che il passaggio dei turisti violava la loro privacy e la loro sicurezza, perché dalle mura sarebbe stato facile entrare nelle case.

Già nei giorni immediatamente successivi all'inaugurazione avevano infatti cominciato a circolare in rete "divertenti" foto rubate alla quotidianità degli abitanti lungo le mura, e si diffondevano tramite i social media critiche e dibattiti sui pro e i contro di questa iniziativa.

Su queste basi il Tar ha dato ragione a questo gruppo di cittadini, assistiti dallo studio dell'avvocato Massimo Messina.

Il tribunale amministrativo, martedì 28 maggio, ha accolto la loro istanza e ha fissato la prima udienza per il febbraio 2014, stabilendo inoltre che fino ad allora non potranno più essere organizzate passeggiate sulle mura.

Intanto, come riporta il Tirreno di Pisa, l'amministrazione comunale ha immediatamente replicato che verranno realizzate in tempi brevi «le opere necessarie a tutelare la riservatezza». Pisa nel frattempo di chiede se allora tutti i soldi investiti siano stati spesi inutilmente, e dibatte sulla legittimità del provvedimento.