Chi di voi è costretto a prendere il treno tutti i giorni per andare al lavoro, all'università o a scuola? I pendolari che viaggiano quotidianamente sulle tratte di Trenitalia sono milioni, come anche quelli che usufruiscono dei servizi delle aziende regionali come ad esempio Trenord (nata dalla fusione tra Trenitalia e Ferrovie Nord in Lombardia), pendolari che spesso fanno sentire le loro lamentele a causa di ritardi e coincidenze mancate, treni sporchi o senza riscaldamento nè aria condizionata, sovraffollati.

Per fortuna è parecchio che io non ho bisogno di prendere il treno con regolarità, ma ricordo bene gli anni universitari ed i "alle volte" tremendi viaggi di un'ora e mezza per 30 chilometri! Infatti ad un certo punto mi sono arreso e sono passato ai pullman autostradali...

Leggendo un articolo di Agostino Bertolin non ho potuto fare a meno di concordare sulle motivazioni per odiare Trenitalia, che penso siano le stesse che fanno irritare quotidianamente i pendolari e magari anche quelli che come me prendono il treno solo ogni tanto ma ne assaggiano gli inconvenienti lo stesso.

Il primo motivo per odiare Trenitalia (odiare simpaticamente, sia ben inteso) è ovviamente il prezzo dei biglietti: se per i vari Frecciarossa e treni superveloci supertecnologici in genere può essere adeguato al servizio offerto, non si capisce perchè si debbano spendere 4 o 5 euro per pochi chilometri con vagoni non proprio comodi e subendo spesso dei ritardi che si ripercuotono sulle attività lavorative e scolastiche.

Come già si può intuire, un altro motivo di disagio sono proprio i ritardi dei treni e le coincidenze che saltano a causa proprio di questa mancanza nel rispetto degli orari.

I migliori video del giorno

Un inconveniente ci può stare, ma ogni volta che passo vicino alla stazione (ci abito vicinissimo) sento sempre la voce automatica che annuncia un ritardo da 5 minuti, 10 minuti, 20 minuti... mezzora!

Non solo per chi è misantropo, ma anche per chi semplicemente non ama le moltitudini di gente il treno affollato non è l'ideale, visto che nelle ore di punta si è costretti a stare in piedi in mezzo a centinaia di persone compresse in pochi vagoni! Non ditemi che non è vero, perchè leggo tutti i giorni le cronache locali e so che ad esempio sulla Milano-Novara e sulla Milano-Varese (Trenord) è la norma.

Beh, quando poi in estate ci si ritrova ammucchiati e pure il treno è senza aria condizionata, magari con i finestrini bloccati, allora è proprio il momento in cui si pensa "Io odio Trenitalia!". Magari in inverno se non c'è il riscaldamento ce ne si accorge di meno... tranne quando il treno si ferma un'ora in mezzo al nulla.

Quando poi si riesce a trovare posto a sedere, in tanti notano che la pulizia è spesso approssimativa (oppure dipende dal fatto che ci sono centinaia di persone tutte assieme?) e che i sedili non garantiscono molto confort! Non è tanto il mio caso, che essendo alto quasi un metro e novanta sto scomodo ovunque, ma molti viaggiatori abituali affermano che è proprio così: voi come vi trovate invece?

Ho volutamente evitato di accennare alle toilette di treni e stazioni ed ai controllori perchè gradirei una vostra opinione in merito, così da sapere come davvero stanno le cose sulle linee ferroviarie di tutta Italia.