Nel territorio della Svizzera nord-occidentale, lungo un'elegante ansa del fiume Reno, vive le proprie dinamiche economico-culturali Basilea, città dal cuore antico e dalle multiverse modalità contemporanee. Originata dall'insediamento imperiale romano di Augusta Raurica del 44 a.C. ad opera del generale Lucio Munazio Planco, attuale presidio industriale di caratura mondiale nei settori chimico e farmaceutico, Basilea è - con i suoi 172.000 abitanti - la terza città della Svizzera, dopo Zurigo e Ginevra.

Prossima ai confini con Francia e Germania, Basel rappresenta in Europa uno dei più efficienti e al contempo "romantici" porti fluviali, tuttora accessibili a navi di grande tonnellaggio.

Ma il suo più sbalorditivo landmark è la quantità di edifici museali urbani, la maggiore in Europa, tanto da esser definita la città dell'arte moderna e contemporanea. Perdipiù, la straordinaria qualità delle opere presenti presso i suoi siti d'arte, gareggia costantemente con l'imponente qualità estetica degli edifici ospitanti: gli architetti Renzo Piano, Mario Botta, Frank O. Gehry e de Meuron hanno peraltro genialmente contribuito a tale patrimonio monumentalistico. Oltre 40 musei, entro un perimetro di appena 37 kmq, sono in grado di conferire dunque a Basilea lo scettro planetario di città d'arte per antonomasia. Al contempo, le attività della Fondation Beyeler, del Kunstmuseum Basel, del Museo Tinguely e del Vitra Design Museum coadiuvano propulsivamente l'inesauribile vitalità culturale urbana.

I migliori video del giorno

E appunto l'Art Valley, di cui Basilea è indiscussa capitale, presenta il suo culmine operativo nel corso dell'Art Basel, fiera d'arte moderna e contemporanea che in città prese avvio sin dal 1970 per iniziativa di galleristi e collezionisti quali Bruckner, Hilt e dei coniugi Beyeler. Attestatasi tra i maggiori appuntamenti mondiali di settore, la fiera esibisce una qualità organizzativa proverbiale, essendo partecipata da affermati operatori d'arte, quanto da talentuosi giovani emergenti per gli ambiti del disegno e della pittura, della fotografia e della video art, sino alla complessità delle installazioni site-specific.

Circa trecento gallerie sono impegnate nella presentazione di qualità e innovazione creativa; tutti i continenti rappresentati e numerosissime le installazioni presenti "intra-moenia", con sperimentazioni di sorprendente originalità. In forza della sua crescente fama, la fiera di Basilea è stata in grado d'esportare il proprio "format" anche in un'edizione invernale, che dal 2002 si svolge annualmente in dicembre, presso alcune sedi d'arte di Miami Beach. L'olimpiade d'arte contemporanea, dal 19 al 22 giugno 2014, vede presenti in pista circa 4 mila artisti, rappresentati da oltre 300 gallerie per una strepitosa 45esima edizione di respiro planetario.

Risulta di grande interesse anche la sezione "Feature", con progetti di messa in scena di piccole collettive tematiche o di "solo show". Significativa è altresì la sezione dei Parcours, resa dinamica dall'interazione di artisti, istituti e gallerie per inedite performance creative.

Così, un ulteriore appuntamento della creatività mondiale esibirà così tante eccellenze participative, in un'atmosfera urbana unica che ospitò nel tempo la profonda sensibilità del grande pittore del Cinquecento Hans Holbein il Giovane, le intelligenze eccelse dei componenti della più nota famiglia di matematici d'ogni tempo - i Bernoulli - e la ponderatezza critica d'uno dei maggiori storici d'Europa, Jacob Burckhardt.