La nostra normativa non prevede alcun divieto sull'accesso dei cani nei luoghi ed esercizi pubblici, ad eccezione di quelli dove si producono e si vendono alimenti (art. 83 let. d) D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320 - Regolamento di Polizia Veterinaria) e definiti sensibili (asili, case di riposo, scuole - Reg. Ce 852/2004) In base a tale legge, i cani devono essere condotti al guinzaglio e il padrone deve portare con sé, la museruola da utilizzare in caso di necessità (Ord. Min. Salute, G.U. 23 marzo 2009, n. 68). In virtù della normativa i cani hanno accesso alle spiagge pubbliche a meno che non sia stato emanato un divieto dall'ente locale. In mancanza di un divieto rimane valida la regola dettata dalla normativa nazionale per l'accesso degli Animali nei luoghi pubblici.

In base alla normativa i proprietari di stabilimenti, campeggi sul mare possono richiedere il permesso di rendere inaccessibile ai cani, il tratto di costa da loro utilizzato. I cartelli di divieto devono contenere il numero dell'ordinanza comunale di riferimento, nonché la data di scadenza. Contrariamente, il cartello è nullo. Molte località hanno approvato l'accesso alle pubbliche, altre invece hanno emesso ordinanze contro i cani in spiaggia, provocando la reazione delle associazioni ambientaliste, alcune delle quali si sono rivolte al giudice amministrativo che ha dato loro ragione.

Il tar e i cani in spiaggia

  • Tar Reggio Calabria 23 luglio 2014: i giudici calabresi hanno sentenziato che vietare l'accesso ai cani sulla spiaggia limita la "libertà personale costituirebbe un limite non consentito alla libera circolazione degli individui".
  • Tar Lazio - 14 Luglio 2014 ha sospeso l'ordinanza del Comune di Roma che vietava l'accesso dei cani sulle spiagge del litorale laziale, giudicandola "ingiustificata e sproporzionata, soprattutto alla luce del fatto che il Comune è tuttora inadempiente all'obbligo di individuare tratti di arenile da destinare all'accoglienza di animali da compagnia. Ha imposto al Comune di individuare, entro 20 giorni tratti di spiaggia idonei ad accogliere padroni e amici pelosetti.
  • Tar Campania - 13 luglio 2014 ha sospeso l'ordinanza del Comune di CasalVelino Marina (prov. Salerno) che vietava l'accesso dei cani in spiaggia.