All'estero è già una realtà consolidata e conosciuta: permette di spostarsi tra le principali città europee a prezzi molto concorrenziali (le tariffe partono da 1 euro, a cui va aggiunta la tassa di prenotazione pari a 0.5 euro). Si tratta di Megabus, una compagnia fondata nel Regno Unito nel 2003 e che muove 5 milioni di persone ogni anno. E' presente in Europa e Nord America, può contare su una flotta di 400 mezzi e promette di essere un'alternativa molto economica al trasporto ferroviario.

Arrivo in Italia

Megabus farà partire il suo servizio il 24 giugno ma ha già creato due basi, una a Firenze e l'altra a Bergamo, con la conseguente creazione di 100 posti di lavoro.

Grazie all'uso di 23 mezzi, permetterà di collegare le principali città italiane: Milano, Genova, Verona, Padova, Venezia, Torino, Pisa, Siena, Firenze, Bologna, Roma e Napoli. Le tariffe di lancio sono molto allettanti (1 euro per andare da Milano a Roma, ma in media il prezzo si aggira sui 15 euro) ed a bordo sono presenti tutti i comfort come Wi-Fi, toilette, aria condizionata e prese di corrente. Bisogna, tuttavia, mettere in conto tempi di percorrenza decisamente lunghi, circa 10 ore per la suddetta tratta. Non è possibile, quindi, pensare a Megabus come un alternativa ai treni ad alta velocità Italo e Frecciarossa; in effetti anche i vecchi Intercity, ora chiamati Frecciabianca, hanno tempi di percorrenza molto inferiori. Questo servizio, perciò, è rivolto soprattutto a persone che vogliono viaggiare spendendo il meno possibile oppure a coloro che devono raggiungere città non ben servite dai treni, ad esempio Siena e Pisa.

I migliori video del giorno

Piuttostro strana è invece la mancanza di collegamenti lungo la dorsale adriatica. Da ricordare, inoltre, che chi viaggia su questi bus può portare una discreta quantità di bagagli, cosa non sempre scontata sui treni.

Attualmente è possibile acquistare i biglietti solo sul sito internet della compagnia, previa registrazione, ma in seguito saranno create biglietterie all'interno delle principali stazioni italiane.