Ripensando alle polemiche e alle ansie che avevano preceduto l'apertura di Expo Milano 2015, Alessandro Mancini (Tourism Advisor di Expo Milano) si sente miracolato. A dispetto di quanto pronosticato, oggi ci si trova davanti a un vero successo superando di gran lunga qualsiasi aspettativa.

Le presenze negli alberghi

Sono passati circa 75 giorni da quando l'Esposizione Mondiale ha aperto le porte al pubblico, e quindi a metà strada ci si ritrova inevitabilmente a fare delle riflessioni, o come dice Mancini delle considerazioni. I dati forniti dagli albergatori di Milano e di Monza-Brianza sono estremamente positivi, in quanto si registra un buon 35% di presenze in più rispetto agli anni passati nei soli mesi di maggio e giugno.

Senza contare chi ha prenotato il proprio soggiorno tramite siti come Airbnb, in questo caso le presenze potrebbero essere salite addirittura del 200%.

Gli ingressi all'Expo Milano 2015

Anche i dati relativi agli ingressi registrati all'Expo sono molto buoni. Pare che solo nei primi due mesi di apertura ci siano stati 7 milioni di ingressi e molti Pass stagionali venduti. Inoltre le presenze sono buone tutte la settimana, ci si aspettava picchi di presenze solo il sabato e la domenica, ma non è stato così. Il flusso di presenze è buono tutta la settimana arrivando a registrare la presenza di circa 200.000 persone al giorno.

I flussi turistici

Anche se piuttosto in anticipo è già possibile analizzare i flussi turistici presenti all'Expo. A quanto pare c'è un gran numero di italiani, con i lombardi che rientrano anche più di una volta.

I migliori video del giorno

Ma anche il flusso dalla Francia e dalla Germania è molto buono, forse dovuto al TGV che effettua 3 volte al giorno la fermata al RHO-Expo. Buoni i flussi dalla Svizzera, aiutata dall'SBB che opera diverse corse verso Milano. A livello intercontinentale si registrano buone presenze dagli USA e dal Sud America, in special modo dall'Argentina. Ma la vera rivelazione è la Cina, infatti quest'anno c'è stato un incremento della richiesta di visti per l'Italia del 33% da Shangai e del 50% da Pechino. Sicuramente non andranno tutti all'Expo ma questi incrementi nei flussi turistici sono dovuti anche a questo evento mondiale.