Quando pensiamo alla Thailandia ci immaginiamo rilassati in una favolosa spiaggia deserta con palme tropicali sorseggiando un drink esotico. Purtroppo la realtà in queste località turistiche è spesso completamente diversa. Con 24,7 milioni di visitatori internazionali, nel 2014 è stata una delle località turistiche più visitate in Asia. Nonostante ciò, è ancora uno dei Paese di inestimabile bellezza. In queste isole incontaminate probabilmente non troverete sportelli automatici o reti wi-fi, ma paradisi inesplorati, luoghi non adattati al turismo di massa occidentale. Se non vedete l'ora di ripartire, lasciandovi alle spalle il freddo invernale, queste 6 isole possono fare al caso vostro, per una vacanza all'insegna de total-relax.

Koh Kradan

Viene chiamata "tavola da surf" in thailandese, per la sua forma allungata. Una striscia di terra nel Mare delle Andamane a largo della costa della provincia di Trang. Si trova all'interno del parco nazionale Hat Chao Mai. Non dimenticherete mai più il tramonto a Ao Chonglom, un tratto isolato sul lato occidentale con scoscesi affioramenti calcarei.

Koh Phra Thong

Un’isola paradisiaca al confine con il Myanmar. Un luogo di nidificazione privilegiato per tre specie di tartarughe marine. Da novembre a gennaio, potrete vedere la deposizione delle loro uova in queste sabbie protette. Sono poche le località turistiche che si raggruppano sulla costa occidentale, lasciando vaste distese di praterie e mangrovie.

Koh Mak

Grande quanto un granello nella catena di Koh Chang, nella parte orientale del Golfo della Thailandia.

I migliori video del giorno

Questo è un luogo perfetto per chi è alla ricerca di relax. Le palme da cocco si contano a migliaia, mentre gli esseri umani saranno un centinaio. Se siete incuriositi dal paesaggio potrete visitare i villaggi dei pescatori o sguazzare in un mare da sogno.

Ko Kut

Questa meravigliosa isola di sabbia bianca ha fatto accrescere il turismo, anche grazie alla presenza di un resort a cinque stelle, Soneva Kiri. Ao Klong Chao è la spiaggia più famosa dell'isola, ma Ao Phrao a sud dell’isola è una striscia di spiaggia quasi vuota, ma con ugualmente un’incantevole costa. I subacquei possono spostarsi fuori dal parco nazionale di Ko Rang, dove è possibile ammirare acque limpide con meravigliosi coralli.

Koh Phayam

Una scintillante isola di sabbia con foresta tropicale, è rimasta inesplorata per molto tempo. Con una popolazione di circa 500 persone abitanti di pochi bungalow, Koh Phayam è spesso paragonata all’isola di Samui di un tempo, prima che le navi da crociera approdassero sull’isola.

Koh Tarutao

Quest’isola è da sempre lontana dal turismo, venne utilizzata dai pirati come prigione per più di 3.000 thailandesi in esilio. Fa parte del Tarutao National Marine Park e come tale rimane praticamente privo di sviluppi commerciali e il 70% dell’isola è giungla. Il suo nome deriva dalle parole malesi "primitivo" e "misteriosa" - e in effetti c'è un aria di enigma persistente su queste coste.