#volare nello #spazio? Yes, we can! Dal 2020 pare sarà possibile volare oltre l'atmosfera, con partenza, pensate un po', direttamente dalla Sardegna. Fantascienza? Assolutamente no. Ecco i primi dettagli di questa incredibile opportunità. Per pochi turisti spaziali, dal conto in banca generoso.

Una navetta galattica

La #virgin Galactic, una vera e propria navetta galattica ideata dal magnate Richard Branson (patron della Virgin group), avrà a bordo ben sei turisti, oltre al comandante e al co-pilota. La partenza è prevista da un aeroporto italiano: per ora l'aeroporto prescelto pare sia lo scalo sardo di Decimomannu. Gli altri aeroporti in lizza si trovano in Veneto, Toscana e Campania.

La navetta sarà rimorchiata da una nave madre per i primi 15mila metri di quota, mentre per il restante tragitto oltre lo spazio, utilizzerà il suo motore a razzo.

Oltre la Linea di Karman

La Linea di karman, che è quella individuata per la separazione della terra dallo spazio, è situata a 100 km oltre il livello del mare. La Virgin Galactic arriverà a ben 110 km dal suolo, per poi tornare sulla terra e riportare tutti a casa, sani e salvi. La data zero, entro la quale potrebbe partire il primo viaggio stellare, pare che sia il 2020. Manca pochissimo insomma, ma chi saranno i sei fortunati che potranno viaggiare nello spazio?

Un volo da Paperoni

Non aspettatevi le tariffe low cost della Ryanair però. Viaggiare nello spazio costerà circa 250mila euro. Una cifra senza dubbio esosa, ma volete mettere con l'ebbrezza di volare nello spazio? Il turismo spaziale, ultima frontiera in tema di viaggi, sarà accessibile da un maggior numero di persone.

I migliori video del giorno

Dal conto in banca ben fornito ovviamente.

Non solo turismo

Ovviamente l'accordo siglato tra Virgin e Altec avrà altri obiettivi, che vanno ben oltre il turismo spaziale. Sarà un modo per addestrare gli astronauti, per fare ricerche sulla microgravità e sui voli suborbitali e molto altro ancora. E ovviamente contribuirà a rendere il nostro paese forte e innovativo, anche nel campo della space economy.