Poteva essere una serata tranquilla e all'insegna di un incontro sportivo pacifico e gioviale, davanti al mega schermo che si stagliava imponente sulla piazza San Carlo, a #torino. Lo spettacolo trasmesso era il tanto atteso incontro fra la Juventus e il Real Madrid, per la contesissima coppa Champions League, giocatasi nella città del Regno Unito, Cardiff. Niente avrebbe fatto pensare quello che da li a poco stava per accadere quando, alle 22:15, appena segnato il terzo gol del Real Madrid a sfavore della Juventus, un'improvvisa e rumorosa esplosione ha portato sgomento e panico fra tutti gli spettatori presenti nella piazza.

A Torino vince la paura del terrorismo

Probabilmente i fatti di cronaca che ultimamente stanno minando fortemente l'incolumità dei cittadini francesi e di quelli del Regno Unito, sembrano scalfire le certezze delle persone più forti, alimentando giustamente la paura del terrorismo.

Pubblicità
Pubblicità

Così è stato, ed è bastato un semplice botto un po' più rumoroso, da farlo sembrare quasi un'esplosione (sembrerebbe causa il cedimento di una ringhiera nel parcheggio sotterraneo), per gettare nel panico le migliaia di persone riunitesi nella piazza San Carlo. Disordine e terrore sono state alimentate dalle grida e dai pianti dei fuggitivi, che non curandosi di chi avevano davanti, calpestavano e urtavano qualsiasi cosa diventava un ostacolo al proprio salvataggio.

Centinaia di feriti a Torino

La paura, o meglio il terrore, sono 'cattivi' consiglieri in grado di far emergere in ognuno di noi, delle reazioni incontrollate difficili da giustificare. Proprio queste reazioni hanno portato alla creazione di un'imponente massa di gente, impossibile da fermare, che come uno tsunami ha travolto in piazza San Carlo i tavolini e ha camminato sui vetri nel tentativo di mettersi in salvo da quello che pensava essere un attacco terrorista kamikaze.

Pubblicità

Questa psicosi generale, nata dal nulla, si è lasciata dietro 1.527 feriti, confermati oggi dalla Prefettura di Torino. Almeno una decina sono stati trasportati in codice rosso al Regina Margherita e tanti altri all'Azienda Ospedaliera Mauriziano, al Cto e alle Molinette.

La Procura di Torino indaga

I fatti avvenuti nella notte di ieri, in piazza San Carlo a Torino, hanno obbligato la Procura della città piemontese ad aprire un'inchiesta, per comprendere quali siano le vere cause che hanno portato alla drammatica conclusione. Perché, quella che doveva essere una tranquilla serata davanti a uno schermo, trasmettente l'incontro Real Madrid - Juventus, s'è invece trasformato in un incubo per tutti? Il questore di Torino sta controllando i video di piazza San Carlo, cercando i testimoni che possono aver visto cosa, o chi ha innescato la 'miccia' del drammatico evento. Lo scopo è ricostruire la dinamica dell'accaduto e dare un volto al colpevole della cronaca. Le ultime notizie sui feriti, annunciano grave il piccolo cinese di sette anni che ha subito un trauma cranico e toracico, mentre la ragazza 38enne che ha avuto un arresto cardiaco ed è stata calpestata dalla folla, è ancora in rianimazione.

Pubblicità

Se vuoi essere aggiornato su cronaca, news, gossip e altro, clicca sulla parola "Segui" in cima alla pagina. #Video piazza San Carlo #Cronaca Torino