Venerdi 16 marzo, Stadio Pino Zaccheria di foggia: tra il primo ed il secondo tempo del match che vede impegnati i padroni di casa contro il Cesena, un uomo, dopo aver percorso qualche metro su una sedia a rotelle, all'improvviso si è alzato e, con disinvoltura, ha preso posto sulle gradinate. La scena è stata immortalata da alcuni smartphone ed è finita sui social. Miracolo o semplicemente il solito furbetto?

E' stata una bravata

Il protagonista della vicenda, accusato di essere un falso invalido, ai microfoni di TeleFoggia si è difeso spiegando che non è un disabile, bensì l'accompagnatore di un disabile, suo amico.

Qualche giorno fa, era con lui allo stadio per la partita e, ad un certo punto, ha notato che la carrozzina si era spostata e ha deciso di scendere a prenderla. Solo che, invece, di mettersi a spingerla con la forza delle braccia, ha pensato di sedercisi sopra. Nel frattempo, qualcuno lo ha ripreso e ha tirato delle conclusioni affrettate. Poi, l'uomo si è scusato con tutte le associazioni di disabili puntualizzando di non aver voluto offendere nessuno: si è trattato di una bravata. L'uomo ha precisato poi che ha scelto di parlare perché si vergogna molto per la situazione che si è creata.

Anche la Digos di Foggia ritiene che quanto successo non sia altro che una goliardata. Non ci sarebbe, dunque, alcun profilo di rilevanza penale.

Gli agenti, infatti, hanno accertato che l'autore del gesto è davvero l'accompagnatore di un disabile e che entrambi si trovavano allo stadio, in una zona riservata ai disabili. Il Foggia Calcio, in una nota, condanna vivamente l'episodio, offensivo per chi, tutti i giorni, si trova a fare i conti con la vera disabilità. Inoltre, annuncia che farà di tutto per denunciare l'autore dell'ignobile gesto.

I falsi invalidi in Italia

Secondi l'Inps in Italia ci sono quasi 3 milioni di invalidi civili ma tantissimi sono anche i furbetti. Negli scorsi anni l'Inps ha revocato circa 100 mila false prestazioni di invalidità civile. Ultimamente, i controlli per "stanare" i furbetti si sono fatti più serrati e, quasi ogni giorno, vengono scoperti nuovi falsi invalidi.

Solo qualche giorno fa, a Locri, l'ultimo emblematico caso: in uomo dichiarato "invalido al 100%, con totale e permanente inabilità lavorativa" per 7 anni, ha percepito, senza averne avuto diritto, più di 100 mila euro. Le indagini dei Finanzieri hanno dimostrato che l'uomo non aveva alcun impedimento fisico: andava, infatti, a far la spesa e a lavorare nei campi.