E' arrivata una sconfitta per la Roma di Rudi Garcia (senza De Rossi a centrocampo) nell'ultima amichevole in terra americana contro il Chelsea. Ma va senz'altro detto che per i giallorossi questa è una sconfitta a testa altissima, arrivata solamente a tempo scaduto per mano di Lukaku. Il tecnico della Roma può sicuramente essere soddisfatto per la prestazione dei suoi ragazzi, anche se nelle interviste post-partita ha chiesto alla squadra maggiore concentrazione, attenzione e cura della gestione della palla.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale A.S. Roma

Insomma, il ko ci può stare, ma se la Roma avesse pareggiato, oppure addirittura vinto, non ci sarebbe stato niente da dire. Molto meglio i giallorossi nel primo tempo, con un Chelsea apparso impacciato ma andato sotto solamente per un clamoroso errore difensivo che Lamela ha sfruttato nel migliore dei modi.

Molto solida la Roma, con un Totti ispirato che come sempre ha dispensato degli assist al bacio per i compagni, che non sono stati sfruttati a dovere.

Nella ripresa il Chelsea ha cambiato molto, con Mourinho che ha saputo dare la giusta scossa. E mentre la Roma a poco a poco perdeva lucidità (normale, visto che siamo nella fase di precampionato) gli inglesi riuscivano a pareggiare con Lampard, prima di trovare il gol del sorpasso in mischia quando ormai il tempo era scaduto con il centravanti Lukaku.

Poco male, dicevamo. Il risultato in queste gare conta relativamente. Rudi Garcia deve essere soddisfatto soprattutto per la prova di un Maicon convincente e a tratti anche brillante e per quella di Florenzi, un vero e autentico jolly che il tecnico può schierare in più zone del campo.

I migliori video del giorno