Nel terzo anticipo della quarta giornata di Serie A, Genoa e Livorno non vanno oltre lo 0-0 e conquistano un punto in classifica.

Grazie al pari i toscani salgono a 7 punti, mentre i rossoblù allenati da Liverani sono a quota 4.

La cronaca: i primi 20 minuti di gioco sono caratterizzati da contrasti a centrocampo e nulla più; al 25' arriva il primo tentativo firmato Lodi, ma la sua conclusione è ribattuta dalla retroguardia livornese.

Al 28' la squadra di Nicola è pericolosa con un tiro di Luci dal limite dell'area, bravo Perin a deviare il pallone; sulla respinta, Emeghara si avventa sulla sfera e calcia incredibilmente a lato da ottima posizione.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

Un minuto più tardi ancora Emeghara ci riprova, il numero uno genoano para con qualche difficoltà.

Nel secondo tempo, al 53' Duncan prova un fendente di sinistro dalla lunghissima distanza, la palla termina fuori; al 57' velleitario tiro di Biondini, che non centra lo specchio della porta.

Al 66' azione personale di Matuzalem, che calcia debolmente e permette a Bardi di controllare agevolmente; 5 minuti dopo, Schiattarella di sinistro impegna Perin.

Al 76' calcio di punizione per il Genoa: cross in area di Stoian e stacco di testa di Manfredini, che scheggia la traversa.

Al 78' Calaiò a tu per tu con il portiere conclude in porta, abile Coda a salvare quasi sulla linea; l'ultima clamorosa occasione arriva al 92' sempre con Calaiò, che svetta di testa ma ad impedirgli la gioia del gol ci pensa Bardi con un grandissimo intervento.

Per Liverani c'è ancora molto lavoro da fare per rendere il Genoa una squadra più quadrata; Nicola, invece, non può che ritenersi soddisfatto del suo Livorno, che ottiene un buon risultato in trasferta con una delle possibili concorrenti alla salvezza.