Calciomercato 2013 caratterizzato dai soliti botti finali. L'Arsenal ha messo le mani sul cartellino dell'atteccante tedesco Mesut Ozil. L'ultimo giorno di mercato è stato davvero caldo in casa Real Madrid, con l'arrivo del fortissimo esterno Gareth Bale, ma anche col clamoroso ritorno di Ricardo Kakà al Milan.

Mesut Ozil è stato ceduto per la significativa somma di 50 milioni di Euro. Per la sorte del tedesco si era parlato anche di un possibile scambio col Faraone d'Italia El Shaaarawy, oltre che della possibilità di un interessamento del Manchester United.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Calciomercato

E invece è stato l'Arsenal a prevalere. Evidentemente mister Wenger lo ha saputo convincere. Superate senza problemi le visite mediche di rito, Ozil sarà presentato ufficialmente a ore.





E passiamo alle vicende di casa Lazio. Sfumato all'ultimo momento l'attaccante Burak Yilmaz, i biancocelesti hanno ripiegato su Perea, che era stato bloccato da mesi. Preso anche il portiere Berisha dal Kalmar ma di questo elemento non sappiamo darvi informazioni precise. Libor Kozak è finito all'Aston Villa, mentre un certo stupore ha destato, in questo Calciomercato 2013, l'approdo al Real Madrid B della promettente punta Antonio Rozzi che, ancora giovanissimo, vede così passare davanti a sé il treno dei sogni. Da non perdere assolutamente.



Restando in Italia c'è da registrare un Genoa scatenato. Presi Fetfazidis (Olympiacos), Stoyan (Chievo), Calaiò (Napoli), Bizzarri (Lazio), Centurion (Racing). Bel colpo di Calciomercato 2013 del Chievo Verona, sempre molto abile in certe operazioni che ne hanno decretato la fortuna nella massima serie.

I migliori video del giorno

I clivensi hanno portato a Verona il centravanti Ardemagni dall'Atalanta, tantissimi gol realizzati in B. Il Palermo ha invece girato in prestito il portiere Viviano all'Arsenal. In Inghilterra, probabile riserva in partenza, Viviano proverà a rilanciarsi dopo un periodo opaco, sperando di risultare la sorpresa del Calciomercato 2013.