L'avvento di Erick Thohir è sempre più vicino, tanto c'è già chi parla di firme già avvenute. Il tutto sarebbe avvenuto nella notte, a Parigi, luogo in cui si è spostato Massimo Moratti, dopo il soggiorno a Londra. L'attuale presidente nerazzurro sì è diretto nella capitale francese, sede della Lazard, la banca che sta curando il passaggio di quote nerazzurre. Contemporaneamente a ciò sarebbe arrivato anche a Parigi l'indonesiano, che i suoi collaboratori definiscono 'molto emozionato'.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Inter

Le discussioni tra le parti sono state molto proficue, tante che si pensa che le firme, come detto prima, siano già arrivate, anche perché la prima fase di signing, ovvero la dichiarazioni d'intento propedeutica al closing, non comporta annunci ufficiali.

L'arrivo in Europa del tycoon indonesiano, che si sapeva si sarebbe mosso solo per chiudere la questione, induce all'ottimismo e alla chiusura della questione.

Sono stati superati gli ultimi scogli, tra cui quello legato alle garanzie con cui le parti in questione si proteggeranno nel caso l'altra dovesse venire meno agli accordi. I tempi sono perciò maturi, anche perché entro la fine del mese e l'inizio di ottobre ci sarà un Consiglio d'amministrazione che darà il via libera all'aumento di capitale, che verrà poi riproposto all'Assemblea dei soci dell'ultima settimana di ottobre. Ciò va di pari passo con la trattativa, visto che tra signing e closing devono passare 20-25 giorni.

Infine, sembra che il presidente Moratti abbia già ripianato le perdite della stagione passato, lo scorso giugno.

I migliori video del giorno

Motivo per cui Thohir, a seconda anche delle quote delle quali entrerà in possesso, interverrà sulle perdite maturate questa stagione.