Per analizzare gli impegni europei che hanno sostenuto le formazioni italiane e per un punto sul campionato, ho intervistato per passionedelcalcio.it Cristian Brocchi, ex calciatore del Verona, dell' Inter, del Milan, della Fiorentina e della Lazio. Brocchi ha vinto uno Scudetto e due Coppe dei Campioni con il Milan. Si è ritirato dal calcio giocato la scorsa stagione e ora allena gli Allievi Regionali del Milan.

Alla Juventus manca ancora qualcosa in Europa?

Sicuramente in Europa la Juventus dovrà riuscire a fare quel salto di qualità che ancora le manca.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

L'obiettivo della Società bianconera è di primeggiare in Champions come in campionato.

Per completare questo percorso impegnativo ci vorrà del tempo. Comunque la Juve ha le carte in regola per superare il proprio girone Champions.

In Champions il Milan ha il girone più semplice?

Solo sulla carta però perché non ci sono gironi semplice in Champions League.

Anzi a volte è più complicato giocare contro formazioni che hanno poco blasone perché magari si compie lo sbaglio di sottovalutare l'impegno.

Cosa prevede dal 'big match' del sabato sera tra Inter e Roma?

Sarà sicuramente una partita spettacolare e aperta a qualsiasi tipo di risultato. Sono due compagini che hanno un gioco corale e in entrambe le squadre le individualità sono sfruttate al massimo dai loro rispettivi tecnici.

Se il Milan domenica sera dovesse perdere allo 'Juventus Stadium' uscirebbe dal giro Scudetto?

Se i rossoneri dovessero essere sconfitti si staccherebbero ancora di più dalla vetta, ma il campionato è molto lungo e proprio il Milan lo scorso anno ci ha insegnato che le rimonte nel calcio sono possibili.

I migliori video del giorno

Sono sicuro che i rossoneri metteranno in difficoltà la Juve.

L'altro posticipo sarà Lazio – Fiorentina. Chi ha più da perdere tra le due squadre?

La Lazio perché gioca davanti al proprio pubblico. Entrambe le compagini vengono da due prove convincenti in Europa League. Potrebbe però accusare un po' di stanchezza. Conosco bene il gruppo della Lazio, avendoci fatto parte fino a maggio scorso, e sono sicuro che cercheranno la vittoria a tutti i costi per non staccarsi dal vertice. La Fiorentina invece sta dimostrando di essere un'ottima squadra anche avendo assenze pesanti. I gigliati potranno causare diversi pericoli alla Lazio.

Che momento personale sta vivendo?

Sto vivendo un'ottima esperienza come allenatore degli Allievi regionali del Milan. Sto vedendo tutto sotto un'altra ottica. Sto insegnando i valori dello Sport ai più giovani. Da un punto di vista umano sto dando e ricevendo moltissimo. Stiamo disputando un grande campionato. Abbiamo vinto un triangolare contro il Bologna e l'Inter giocando benissimo. Con il Milan ci siamo cercati reciprocamente. Per me la Società rossonera rappresenta una famiglia e avevo l'esigenza di tornare a Milano. La Lazio anche resterà sempre nel mio cuore.