Sale sempre di piùl'attesa per sapere quale sarà la fatidicalista dei 23 convocati definitivi dal ct Prandelli per ilmondiale di Brasile 2014. La lista dovrà essere consegnata,tassativamente entro, e non oltre, la data del 2 di giugno.Dunque manca solo qualche giorno prima di conoscere finalmente i nomidei giocatori in partenza per il Sud America, e sciogliere così unospasmodico e costante dubbio che ci accompagna in questi giornifatidici.

Come riferito da moltetestate sportive nelle loro edizioni on line, tra cui la "Gazzettadello Sport", i dubbi riguardano quasi ogni singolo reparto,rendendo il contesto globale ancor più fumoso e incerto.

Adeccezione del ruolo di portiere, infatti, dove la leadership di Buffon èconsolidata, sono molti i nodi da sciogliere per Prandelli,a cominciare dalla difesa, con almeno due ballotaggi che coinvolgeranno cinque giocatori: Paletta, Ranocchia, Abate, Maggio ePasqual.

Insomma per quanto riguarda il reparto difensivo lasituazione appare più ingarbugliata che mai. Ma nemmeno acentrocampo la scelta sarà facile, con Parolo che sigioca un posto con il "baby" Verratti, e con Aquilanisempre più verso l'esclusione.

In attacco, per terminarela rassegna dei reparti, il dubbio riguarda la scelta di unotra Destro e Rossi, mentre Insigne sembra destinato a restare inItalia. O, in ogni caso, ovunque deciderà di andare in vacanza.

Ovviamente non serviràriproporre la solita banale e scontata frase per cui in Italia cisono 60 milioni di commissari tecnici, ovviamente ognuno con unaidea diversa dall'altra.

Non ci resta che attendere la decisione finale dell'allenatore della Nazionale e, di conseguenza, ognuno potrà trarre le personali conclusioni in merito.

Non ci resta cheattendere prima di poter gioire o disperarsi perqualche mirabile, o sciagurata, scelta di Prandelli. Ma tutto ciònon avverrà prima, appunto, del 2 giugno.