E' iniziata ufficialmente l'avventura della Nazionale italiana ai Mondiali in Brasile: gli azzurri, infatti, sono sbarcati quest'oggi all'aeroporto di Rio De Janeiro (alle ore 12,05 locali) destinazione Mangaratiba, sede del quartier generale dell'Italia. Cosa aspettarsi da questa avventura? Proviamo a fare un'analisi tecnica di quello che potrebbe essere il nostro Campionato del Mondo.



Mondiali Brasile, l'Italia di Prandelli, come finirà? 

Cosa ci possiamo aspettare dalla nostra spedizione in Brasile? Lasciando stare la figuraccia rimediata quattro anni fa in Sudafrica dove l'Italia fu eliminata nella prima fase, le aspettative non possono essere ottimistiche.

Basta esaminare la 'qualità' della rosa allestita da Cesare Prandelli per rendersi conto di essere lontani anni luce dalle formazioni che presumibilmente si giocheranno il titolo (Brasile, Spagna, Argentina e Germania in testa).



Il cuore vorrebbe poter rivivere le notti di Berlino del 2006 o le emozioni del 'Sarria' di Barcellona nell'82, ma l'impressione è che ci dovremo accontentare di molto meno: non è tanto per la 'maledizione' che attanaglia la formazione di Prandelli (ultime sette gare senza una sola vittoria) quanto ancora la confusione tattica che regna attorno alla nostra Nazionale, accentuata ancora di più dopo il grave infortunio occorso a Riccardo Montolivo nell'amichevole contro l'Irlanda.



Infine, sono in molti a dimenticare le nostre avversarie nel girone, vale a dire Inghilterra e Uruguay (lasciando perdere la modesta Costa Rica perchè sarebbe veramente il colmo doverla considerare).

Ricordiamoci, soprattutto che quattro anni fa fummo eliminati in un girone con Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia... Se ci aggiungiamo, poi, che il nostro calcio italiano, a livello di club, ha rimediato solo brutte figure a livello europeo, c'è poco da stare allegri. 

L'unica speranza? Anche nell'82 partimmo malissimo tra mille polemiche e, poi, nel 2006, un mese prima dei Mondiali in Germania, scoppiò lo scandalo Calciopoli: basterà il cuore ad evitare brutte figure?

  

Segui la nostra pagina Facebook!