Di tanto in tanto in Egitto, all'ombra delle Piramidi, emerge qualche fuoriclasse subito paragonato a qualche grande del calcio. Fu così per Hazem Emam - nome completo Hazem Mohamed Yehia Emam - classe '75, che nella seconda metà degli anni '90 fu soprannominato 'lo Zico delle Piramidi'. Un nome affrettato visto che, a parte un buon campionato con la squadra olandese De Graafschap, non ha lasciato particolarmente traccia.

Pubblicità
Pubblicità

Restò anche una meteora del calcio italiano, visto che vi approdò con l'Udinese, ma collezionò solo 11 presenze in tre anni non consecutivi.

Ora invece c'è Mohammed Salah, definito, in modo più contemporaneo, il 'Messi d'Egitto'. Sicuramente, rispetto a Emam in Italia, ha fatto vedere molto di più in pochi mesi con la Fiorentina, tra gol ed assist. Ma ora si sta rendendo protagonista di un poco piacevole 'tira e molla' con i viola, con il club gigliato che sta facendo di tutto per trattenerlo, ma lui pare non volerne sapere di restare.

Pubblicità

Ammaliato dalle sirene provenienti da Milano, sponda Inter. Nelle ultime ore sembra essere stato attenzionato anche dalla Roma. Intanto, il neo allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ha rotto il silenzio. Stanco di questo chiacchiericcio, ha lanciato frecciatine al fantasista egiziano. Vediamo cosa ha detto.

Sousa ne fa una questione di valori

Come riporta La Gazzetta, Sousa ha affermato che Salah nelle ultime settimane ha ricevuto consigli da tutte le parti e per questo non è tranquillo e dunque può anche prendere decisioni sbagliate.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Fiorentina

Lui comunque pensa a chi fa già parte della squadra e 'chi capisce i valori della maglia viola e quindi valuto principalmente loro (…) non a chi ha un piede dentro ed un piede fuori'.

Parla anche di Rossi e Gomez

Poi un pensiero anche su Giuseppe Rossi e Mario Gomez, affermando che vuole puntare sul primo tenendo però in considerazione il lungo periodo durante il quale è rimasto fermo; mentre del secondo pensa di volerne massimizzare il potenziale sempre in funzione della squadra.

Che per lui viene prima dei singoli. Insomma, Salah è avvisato. Voler fare la prima donna o i capricci con Paulo Sousa non sono ammessi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto