Dopo il Trofeo Tim, nel quale la sua Inter ha giocato contro Milan e Sassuolo, Roberto Mancini, incalzato dai cronisti, ha ostentato tranquillità e ottimismo. Eppure, soprattutto contro gli emiliani, è apparso assopito in panchina, come fosse rassegnato. La sua Inter ha perso ancora contro i rossoneri, pur facendo vedere qualche sprazzo di gioco, ma anche contro il Sassuolo. In questa seconda gara alquanto malamente, senza mai tirare in porta e senza mai imporre il proprio gioco.

Il Mancio ha ancora una decina di giorni per preparare i suoi al campionato, ma il bilancio delle amichevoli di pre-campionato è a dir poco allarmante: sei sconfitte su nove, tanti gol subiti e pochissimi realizzati. Un'Inter che è apparsa troppo simile allo scorso campionato, ossia con una difesa fragile e un attacco anemico (Icardi è stato capocannoniere, certo, ma in pratica è stato quasi l'unico a segnare).

Ed ecco che l'ex fantasista di Samp e Lazio chiede alla società altri sforzi di mercato. Sfumato Felipe Melo, che rinnoverà col Galatasaray e ancora inseguito Perisic – col quale i nerazzurri hanno un accordo da tempo, ma la società tedesca nicchia sulle offerte dei nerazzurri, 18 milioni (3 milioni di euro per il prestito oneroso + 12 milioni per il riscatto obbligatorio + 3 di bonus) – vuole tre giocatori per colmare i vuoti ancora patiti dalla sua squadra. Vediamo chi sono.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter Calciomercato

Criscito, Ljalic e Mertens

In primo luogo un terzino sinistro. E qui il primo della lista è Domenico Criscito, ma lo Zenit vuole tanto e il giocatore prende in Russia tre milioni di euro netti a stagione. L'alternativa è Coentrao del Real Madrid. Gli altri due nomi sono per l'attacco: il romanista Adem Ljajic che difficilmente vedrà qualche gara da titolare (possibile scambio con Ranocchia) e l'attaccante esterno del Napoli Dries Mertens (qui lo scambio potrebbe essere con Juan Jesus, anche se i tifosi azzurri sono a dir poco basiti).

Vedremo se Thohir avrà ancora voglia di accontentare il tecnico originario di Jesi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto