Allegri è sulla graticola, non è riuscito a modellare la squadra senza Pirlo e Vidal a centrocampo.

Il cileno è sostituibile con Pereyra o Khedira, ma Pirlo non ha sostituti naturali e quindi l'unica cosa da fare sarebbe cambiare modulo. Basta poco per riprendere la strada giusta, sarebbe sufficiente usare il buonsenso. A prescindere dagli ultimi colpi di mercato il mister dovrebbe mettere da parte i vecchi moduli, compreso il 3-5-2 visto che i terzini fluidificanti sono già più avanti con l'età e il regista è cambiato.

Pubblicità
Pubblicità

Il 4-3-3 o il 4-3-1-2 con gli uomini a disposizione sembrerebbero gli unici moduli praticabili, che potrebbero mettere in campo una signora formazione.

Gli ultimi acquisti

Andiamo ad analizzarla dopo gli ultimi  movimenti di mercato che hanno regalato a Massimiliano Allegri il trequartista (Hernanes pagato 11 milioni) e Lemina (il prossimo Pogba costato anche lui 11-12 milioni).

Qualora la Juventus decida di praticare il 4-3-1-2 tanto caro al mister livornese la formazione ipotizzabile dovrebbe essere questa: Buffon, difesa a quattro con Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, A.Sandro; centrocampo a rombo con Pereyra, Marchisio, Pogba ed Hernanes, in avanti due punte tra Cuadrado, Dybala e Morata.

In caso di schieramento con il 4-3-3 la formazione potrebbe essere questa: Buffon, Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, A.Sandro; Pereyra,  Marchisio e Pogba; Cuadrado, Dybala e Morata o Mandzukic.

Queste parrebbero le migliori strade percorribili in base alla rosa a disposizione di Allegri, che dovrà archiviare il 3-5-2.

Si attendono chiaramente alcuni recuperi, su tutti quelli di Khedira che a centrocampo potrebbe ricoprire tanti ruoli e portare esperienza e carisma in un settore fondamentale per sviluppare il gioco della squadra. Per ora Padoin e Sturaro si sono rivelati alquanto inadeguati per una squadra che nel suo dna conosce solo la parola vittoria, e che non consente a nessuno, nemmeno alla società di commettere errori evidenti.

Pubblicità

Il tifoso juventino è abituato a vincere e non concepisce che si rimanga a bocca asciutta, soprattutto quando si è ancora la squadra meglio attrezzata insieme alla Roma.

Leggi tutto