"Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco", recitava un vecchio adagio popolare, reso famoso dall'indimenticabile Trapattoni. Adagio che sembra adattarsi perfettamente alle vicissitudini della Teramo Calcio, compagine abruzzese di cui si è parlato, purtroppo, più per le vicende giudiziarie che per la serie B conquistata sul campo lo scorso anno, e poi revocata dai tribunali sportivi.

La compagine guidata dal tecnicoVivarini,nonostante la pesante penalizzazione di 6 punti, ha cominciato ad ingranare eha realizzato una media punti superiore a quella dell'anno scorso,anno che la vide trionfare, al netto dei tribunali, con 75 punti, 4 di vantaggio sulla seconda classificataAscoli Picchio.

Stesso scheletro dello scorso anno

La forza dei biancorossi sembra essere la stessa identica dello scorso anno.

Per 7/11 la squadra è rimasta identica, perdendo tra i rilevanti soltanto i gemelli del gol Donnarumma e Lapadula (volati in B l'uno a Salerno l'altro a Pescara). Sul fronte dell'attacco avremo modo di parlare tra pochissimo, per il resto basti sottolineare che i nuovi arrivati, tra cuiAltobello, Calvano e D'Oraziosembrano essersi inseriti senza troppe preoccupazioni nel modulo di Mister Vivarini e che il rendimento, tenendo conto anche del fittissimo calendario dei biancorossi, è stato sicuramente adeguato alle alternative.

La vera forza è di nuovo l'attacco

Tra i tifosi teramani e tra gli addetti ai lavori la mancanza dell'incredibile duoLapadula-Donnarummasi fa ancora sentire, ma dati alla mano potremmo dire che si tratta più delle ovvie ripercussioni della fine di una storia d'amore che di mancanze effettive dei nuovi attaccanti del Teramo. Il miglior acquisto del Teramo di quest'anno sembra essereMirko Petrella,che nonostante fosse in forza alla società abruzzese già da tre anni, è solo dall'inizio di questo campionato che sembra essere esploso appieno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie C

Devastanti le sue percussioni, incredibile la svolta che può dare alla partita le volte che è partito dalla panchina e poi subentrato nel secondo tempo. Il nuovo Re di Teramo è lui.

Decisamente positive anche le prestazioni del neo-acquistoMoreoe del brasilianoDa Silva,entrambi accasatisi in Abruzzo durante la turbolenta estate del club teramano. Tanti gol e prestazioni che fanno pensare che, se proprio dovessimo individuare un problema della compagine biancorossa, non è all'attacco che dovremmo guardare.

Non pervenuto ancoraLe Noci,espertissimo attaccante di categoria che davanti a tanta abbondanza in attacco (e ad una condizione non esattamente ottimale, dicono i ben informati) non ha ancora giocato i minuti che si meriterebbe. Come è chiaro da quanto riportato, davanti c'è solo l'imbarazzo della scelta, e Spal e Pisa, che avevano immaginato un campionato tranquillo con il Teramo messo in un angolo dalla penalizzazione di sei punti, devonocominciare a guardarsi alle spalle,soprattutto in virtù del fatto che, per i biancorossi, siprospetta un importante sconto di pena nelle prossime udienze.

La Lega Pro non è mai stata così avvincente!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto