In un momento storico in cui la serenità è un dono quasi irraggiungibile e la paura prende il sopravvento, ci pensa Paulo Dybala a regalare un effimero attimo di “Joya” ai tifosi bianconeri e a chiunque ami il calcio. È merito del’argentino, se la Vecchia Signora, pur non brillando, riesce a superare il Milan e a fare quel necessario balzo in avanti in classifica che, con la Fiorentina bloccata dall’ Empoli e in attesa del risultato dell’Inter, porta la Juventus a sette punti dalla vetta e fa ben sperare per il futuro i supporters juventini.

Allegri e il trequartista

Tre punti, dunque, giunti tutto sommato facilmente, in un 4-3-1-2 messo in campo da Massimiliano Allegri con Hernanes trequartista, alle spalle di Dybala e Mandzukic, che però incide poco o nulla e nel secondo tempo esce anche per infortunio. La scelta del fantomatico trequartista finora sembra non pagare. Esce anche Evra per infortunio, sostituito da Alex Sandro. Riposa invece Morata, in vista della sfida contro il Manchester City. Ad avere il pallino del gioco è comunque la Juventus per tutto il primo tempo, mentre il Milan sbaglia moltissimo e non riesce a tenere vivo quasi nessunpallone.

Secondo tempo a tintebianconere

Nel secondo tempo il registro non cambia, ed è sempre la Juve a dimostrare un pizzico di vivacità in più.

Allegri opta per il cambio modulo in favore del 3-5-2, con l’inserimento di Bonucci e lo spostamento di Alex Sandro sulla fascia laterale. La scelta si rivela azzeccata, aprendo maggiori spazi per la fantasia di Pogba, che prova subito un tiro dalla distanza: la conclusione viene neutralizzata soltanto da un ottimo Donnarumma, l’unico a brillare nel Milan.

Il colpo di classe di Dybala

E proprio da una combinazione Pogba-Alex Sandro nasce l’assist vincente per Paulo Dybala, che al minuto 65 non si fa trovare impreparato e, infilandosi tra due difensori rossoneri, batte il portiere milanista, siglandol’ 1 a 0 bianconero. Il Milan è davvero poco brillantee l’unica azione pericolosa arriva dai piedi di Cerci al 93’, ma è troppo tardi.

La Juventus batte ilMilan 1-0 e la rimonta bianconera continua. Se il gioco ancora non c’è, arriverà, per ora vanno bene i risultati. Mercoledì intanto è già tempo di pensare al Manchester City.