La squadra di Mihajlovic non riesce a centrare la sua quarta vittoria di fila. Dopo la esaltante vittoria contro la Lazio per 3-1, i rossoneri hanno infatti avuto numerose occasioni, di cui la più clamorosa è quella di Alessio Cerci, ma è solo esterno della porta. La difesa del Milan ha avuto grandissimi miglioramenti, ma poco freddezza da parte degli attaccanti, che devono acquisire più lucidità. Mihajlovic ha fatto scendere in campo una formazione diversa da quella solita: esempio è Niang, obiettivo dell'Atalanta per il mercato di gennaio, che a sprazzi ha disputato una buona partita.

L'Atalanta dal canto suo ha studiato la partita, chiudendosi tutta in difesa, e sfruttando le ripartenze concessegli. Occasione clamorosa quella capitata sui piedi di Cigarini, non altrettanto lucido nella esecuzione.Grande partita di Gomez nelle file dell'Atalanta, che ha corso ininterrottamente per 90 minuti, dando un grande aiuto anche nella fase difensiva. Milan comunque deludente,perché una squadra che ambisce alla zona Champions League non può raccogliere un solo punto in casa. Come aveva detto nella sua conferenza stampa Mihajlovic: "Dobbiamo vincere per prepararci al meglio alla partita con la Juventus". Al di là di queste riflessioni, l'Atalanta non è mai un avversario semplice, sia in casa che fuori.

Anche l'Inter nella prima giornata contro i bergamaschi, dopo vari tentativi, da parte dei suoi attaccanti, è riuscito a vincere la partita solo al 93-esimo.

Anche in casa l'Atalanta è riuscita battere Lazio e Sampdoria, squadre di non poco conto. Partita abbastanza equilibrata, il cui segno X è quello più giusto. Risultato che rispecchia la partita di entrambe le squadre, che hanno rischiato tutto per vincere la partita.

Il Milan adesso deve sperare in un passo falso delle squadre che sono più in alto per restare vicino ai primi posti. Tutto rinviato al big match Juventus- Milan. Di positivo restano gli ottimi miglioramenti dopo lo 0-4 contro il Napoli, che aveva delusoi tifosi edanche la società.