Sono ore cruciali per il calciomercato dell'Inter. Sul taccuino del direttore sportivo Piero Ausilio ci sono numerosi nomi ma prima occorre vendere. Sul fronte cessioni, Andrea Ranocchia è sul piede di partenza. Il difensore non rientra nei piani di Roberto Mancini e ha ricevuto numerose offerte da varie squadre. Una delle squadre interessate al giocatore è il Liverpool: se non dovessero esserci offerte da parte di club italiani, il giocatore potrebbe decidere di accasarsi in Inghilterra.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Inter

Klopp sta infatti spingendo per la cessione di Subotic che lascerebbe uno spazio libero per il giocatore italiano. Ausilio deve poi definire le cessioni di Santon, Dodò e Vidic, tutti giocatori sul piede di partenza, come conferma il quotidiano torinese "Tuttosport".

Molto importante è anche la situazione di Fredy Guarin; il centrocampista colombiano è seguito dalla Juventus e dalla Lazio ma ha un ingaggio davvero molto elevato (tre milioni e mezzo di euro). 

Sfuma Lavezzi?

Sul fronte acquisti, invece, si fa sempre più contorta la situazione di Ezequiel Lavezzi. Nei giorni scorsi il giocatore argentino è sembrato molto vicino ad un trasferimento in nerazzurro ma l'Inter non ha poi trovato l'accordo con il Paris Saint Germain, che chiede almeno sei milioni di euro per l'ex attaccante del Napoli. Ausilio, dunque, ha ripiegato su Eder, che è diventato l'obiettivo principale per rinforzare il reparto offensivo, considerate anche le difficoltà di arrivare a Sofiane Feghouli. L'attaccante algerino del Valencia, infatti, ha un ingaggio molto alto (l'Inter potrebbe tentare un assalto a giugno).

I migliori video del giorno

Eder ha manifestato la volontà di trasferirsi in nerazzurro a gennaio e l'affare potrebbe andare in porto. Anche Ferrero ha a aperto alla cessione dell'attaccante dopo la vittoria della Sampdoria nel derby contro il Genoa. Nell'affare potrebbe rientrare anche il passaggio di Dodò in blucerchiato. Intanto, Ausilio non molla le piste che portano a Lassana Diarra e ad Izzo, due autentici pallini di del tecnico nerazzurro.