La Juventus batte con un sonoro 3-0 la squadra di Mancini nell'andata di semifinale di Coppa Italia, giocatasi allo Juventus Stadium, grazie ad un ritrovato Morata. L'ex Real va a segno prima su rigore e poi con una rete da opportunista puro, sfruttando un rimpallo in area; la partita la chiude Dybala, al secondo gol in questa Coppa Italia, con un preciso tiro di prima che s'insacca alle spalle di Handanovic.

Primo tempo di polemiche

La prima frazione di gioco si rivela equilibrata e tattica con i bianco-neri che prevalgono leggermente nel possesso palla. Un'occasione per parte scaturisce dai piedi di Medel per l'Inter e di Cuadrado per la Juventus, ma le conclusioni finiscono entrambe fuori lo specchio della porta. Al 25' c'è un'azione sospetta che vede i medesimi protagonisti: il colombiano batte un calcio di punizione, ma il centrocampista cileno intercetta nettamente col braccio il pallone destinato a Bonucci.

L'arbitro Tagliavento, però, non si ravvede dell'accaduto. Al 36' un altro episodio nell'area nero-azzurra: dopo una combinazione con Morata, ancora Cuadrado si trova a tu per tu con Handanovic, ma viene steso da Murillo prima che possa battere a rete. Il contatto c'è, ma è un penalty meno netto del precedente. Il direttore di gara stavolta non ha dubbi e indica il dischetto, ma per il difensore dell'Inter c'è solo il giallo, pur trattandosi di una chiara occasione da rete. Dal dischetto va Alvaro Morata che non fallisce l'occasione di portare in vantaggio la Juventus, con un potente tiro alla destra di Handanovic.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Inter

Lo spagnolo non segnava da ben 3 mesi!

La Juventus chiude la partita

Nella ripresa gli uomini di Allegri gestiscono la partita e al 63' trovano il raddoppio ancora con Morata che sfrutta una deviazione involontaria della difesa interista dopo che era stata murata una conclusione di Mandzukic. Pochi minuti dopo si rivede l'Inter in avanti conNeto che si iscrive alla partita con una parata plastica su colpo di testa di Murillo da palla inattiva.

Al 70' un altro episodio decisivo: un imprendibile Cuadrado, dopo aver saltato 2 uomini, viene steso dal connazionale difensore interista: secondo giallo e rosso per Murillo. Ormai in 10 e sotto di 2 gol, non bastano gli innesti di Brozovic e Icardi per aggiungere qualità e pericolosità alla manovra degli uomini di Mancini. E così, all'83', arriva anche il terzo gol della Juventus firmato dal solito Dybala, subentrato a Mandzukic, che sigla così il suo quindicesimo gol stagionale.

Ritorno a marzo

L'Inter avrà tempo per digerire la sconfitta e preparare il ritorno, che si disputerà al "Meazza" il 2 marzo, ma non arrivano buone notizie per Mancini in vista del derby di domenica: la difesa continua ad incassare reti, l'attacco è sterile, figlio di una manovrache non decolla e di alcuni giocatori che appaiono ancora fuori dal gioco enon riescono ad apportare l'aiuto che servirebbe.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto