Giungono indiscrezioni molto importanti per quanto riguarda il futuro dell'Inter; Mauro Icardi è ormai diventato un caso. Il bomber argentino, ieri al centro di clamorose voci di mercato (si è parlato di una cessione last minute), potrebbe essere ceduto in estate. Secondo quanto riporta il "Corriere dello Sport", infatti, l'attaccante nerazzurro avrebbe rotto con il tecnico Roberto Mancini. Spia di questa rottura sarebbero le esclusioni dall'undici titolare in Coppa Italia contro la Juventus e in campionato, nel derby contro il Milan. Il rapporto tra i due sarebbe agli sgoccioli, con il tecnico jesino che ha attaccato l'attaccante anche in pubblico: "Contro il Carpi avrei segnato anche io, che ho cinquant'anni".

Accuse dirette che non hanno fatto di certo piacere all'ex attaccante della Sampdoria. Non si esclude comunque che questo 'strappo' possa essere ricomposto e che torni il sereno tra Icardi e Mancini. Ma non si può neanche escludere una cessione a fine stagione.

Mercato Inter, rivoluzione in attacco?

Se la frattura non si dovesse sanare, Thohir potrebbe pensare di cedere il bomber argentino. Icardi, però, non sta mostrando quella prolificità sottoporta dell'anno scorso, quando chiuse con ventidue gol (capocannoniere del campionato). Quest'anno, infatti, ha messo a segno solo otto gol in ventidue partite. Nel caso in cui il presidente nerazzurro decidesse di venderlo, dunque, sarà molto difficile chiedere quaranta milioni di euro, ovvero la cifra con cui si valuta ora l'attaccante.

In ogni caso, ad Icardi sarebbero fortemente interessate alcune prestigiose squadre europee, come Atletico Madrid, Chelsea e Arsenal. Ma secondo il "Corriere dello Sport" sarebbero incerte anche le posizioni di Stevan Jovetic e Adem Ljajic. Quest'ultimo, dopo un buon inizio di campionato, sembra avere perso quella concretezza che lo aveva distinto nelle scorse giornate. L'Inter, dunque, potrebbe decidere di non riscattarlo dalla Roma. Per Jovetic, invece, si starebbe già cercando una squadra per la prossima stagione.