Dopo due pareggi consecutivi tra campionato e Champions, i bianconeritornano al successo. Allegri schiera dal primo minuto irientranti Sandro e Chiellini, entrambi assenti contro il Bayern, e conferma Hernanes nel ruolo di play-maker; anche Mancini schiera un 3-5-2 speculare all'avversaria, con Icardi e Palacio coppia d'attacco e un centrocampo con molta sostanza e poca qualità costituito da Medel, Melo e Kondogbia.

Buona Juve nel primo tempo

L'inizio gara è tutto a favore dei bianconeri che creano ottime opportunità per passare in vantaggio: al 5' Hernanes impegna subito Handanovic, che con la punta delle dita riesce a deviare un gran tiro dalla distanza del brasiliano, mandando il pallone sulla traversa; 2 minuti dopo sono Mandzukic e Dybala a confezionare una clamorosa palla-gol con l'argentino che non riesce a battere a rete l'assist del croato a porta praticamente sguarnita, centrando un difensore dell'Inter.

Al 10' è l'ex Bayern a fallire un'occasione ghiotta calciando a lato un tentativo di tiro a giro. Dopo le sofferenze iniziali i nerazzurri riescono a prendere le misure ai centrocampisti juventini, abbassando il ritmo e riuscendo astanare le successive avanzate degli avversari. L'ultima nota prima della chiusura rimane l'infortunio di Chiellini, sostituito da Rugani, per un fastidio al polpaccio destro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Vittoria nella ripresa

La Juventus comincia il secondo tempo nella stessa maniera con cui aveva iniziato la gara e gli sforzi vengono subito ricompensati: al 47' Dybala calcia una punizione dalla destra apparentemente innocua, ma D'Ambrosio sbaglia clamorosamente l'intervento difensivo, servendo di testa Bonucci che,solo sul secondo palo,batte Handanovic per l'1-0. Sotto nel punteggio e senza mai creare pericoli alla porta di Buffon, Mancini decide di cambiare modulo e passa ad un 4-2-3-1 molto offensivo con l'ingresso di Perisic e Ljiaic al posto di Telles e Medel (uscito anche lui per infortunio).

Con un'Inter a trazione offensiva si aprono innumerevoli spazi per le ripartenzedella Juventus, e Allegri decide di giocarsi la carta Morata al posto di uno spento Dybala. Come spesso accade, il cambio si rivela decisivo perché lo spagnolo guadagna a pochi minuti dal termine il calcio rigore (per fallo di Miranda) che va poi a realizzare, chiudendo la partita sul 2-0. Solo nel finale l'Inter riesce ad essere pericolosa con Eder (entrato al posto di un impalpabile Icardi) che testa i riflessi di Buffon, il quale evita che la gara possa riaprirsi negli ultimi minuti.

Operazione riscatto

Le due squadre si ritroveranno di nuovo di fronte mercoledì 2 marzo, per il ritorno della semifinale di Coppa Italia al "Meazza". Dopo il3-0 dell'andata (anche in quell'occasione Morata andòa segno) la qualificazione alla finale per l'inter è ormai compromessa, ma la squadra di mancini èchiamata quanto meno a riscattare un 2016 ad oggi pessimo, dove sono arrivate poche gioie e troppe sconfitte.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto