Avevano bisogno entrambe di vincere Sampdoria e Atalanta, per tirarsi fuori da posizioni decisamente scomode, specialmente i doriani. Alla fine, invece, è venuto fuori un pari (0-0) al termine di una partita che non verrà certo ricordata negli almanacchi della storia del calcio. Difese attente da entrambe le parti e molti errori negli ultimi sedici metri: la formazione di Montella, in pieno recupero, ha sprecato il gol vittoria con Alvarez che, da pochi passi, non ha centrato di testa il bersaglio. Un pareggio quello tra Sampdoria e Atalanta che, per gli amanti della cabala, non si registrava da quasi trent'anni (era la stagione 88/89).

Per la Sampdoria, partita durissima nella prossima giornata, quella che gli uomini di Montella dovranno giocare a San Siro contro l'Inter; impegno tosto anche per l'Atalanta con l'incontro casalingo contro la Fiorentina, vittoriosa proprio contro la squadra di Mancini.

Sampdoria-Atalanta: Montella 'Classifica corta', Reja 'Troppa preoccupazione'

Montella rispetta gli avversari per la salvezza, vale a dire il Carpi e il Frosinone ma è chiaro che la classifica parla chiaro: 'Dobbiamo fare la corsa solo su noi stessi pur rispettando le altre squadre: la classifica è corta, se ci ritroviamo, possiamo venirne fuori alla grande. Dobbiamo essere un po' più tranquilli, solo così troveremo la giusta via.

Non abbiamo fatto una brutta partita. Se vogliamo dirla tutta sono critico prima di tutto con me stesso perchè mi aspettavo di più da questo inizio con Sampdoria'.

Reja traccia un identikit ben preciso della partita: l'Atalanta ma anche la Samp hanno giocato con un po' di preoccupazione e, in questi casi, ne risente lo spettacolo.

'Se riusciamo a ritrovare la vittoria, potremo giocare con un po' più di serenità - dice l'allenatore dei bergamaschi - dobbiamo recuperare qualche infortunato: Borriello e Diamanti non sono ancora in condizione, ma stanno lavorando'.

Voti Gazzetta dello Sport Sampdoria-Atalanta Fantacalcio serie A, domenica 14 febbraio 2016

Dodò dà il buon esempio ai compagni, cercando sempre la profondità e tentando di tamponare i buchi che si aprono in mezzo.

Meglio nel primo tempo, poi si perde un po'

Viviano 6; Cassani 5, Ranocchia 5, Silvestre 5 e ammonizione; Dodò 6, Soriano 5,5 (Barreto senza voto), Fernando 5,5, Ivan 5,5 e ammonizione; Correa 5 (Muriel 5); Cassano 5,5 (Ricky Alvarez 5), Quagliarella 5.

Masiello è bravissimo in fase difensiva, risolvendo alcune situazioni difficili. Si fa pericoloso anche in avanti.

Sportiello 6; Conti 5,5, Toloi 5,5, Masiello 6,5, Dramé 6; Freuler 6 (Cigarini 6), De Roon 6 e ammonizione, Kurtic 6; Diamanti 6 e ammonizione (Raimondi 6), Gomez 5,5 e ammonizione, Pinilla 5,5 (Borriello 5 e ammonizione).