Nel loro rapporto di "buongiorno e buonasera", per dirla come il capitano giallorosso, Luciano Spalletti e Francesco Totti, prima della partita con il Palermo e durante il derby hanno raggiunto i punti più bassi.

La partita con il Palermo: dopo la scottante intervista rilasciata dal capitano romanista al TG1, è arrivata la clamorosa non convocazione da parte del tecnico toscano nei confronti di Francesco Totti, a dispetto dell'annuncio di una probabile partenza da titolare contro i rosanero.

Il derby: l'altro punto basso della vicenda è stato toccato quando Francesco Totti, probabilmente al suo ultimo derby da giocatore, è stato lasciato in panchina dopo aver disputato ben 41 "stracittadine" tra campionato e coppe. Non vedere il fuoriclasse romanista nella formazione titolare contro la Lazio è stato un duro colpo per tutti gli appassionati di calcio.

Spalletti - Totti: uno strappo difficile da ricucire

Purtroppo è così: di questa stagione giallorossa verranno ricordati soprattutto i battibecchi tra il numero dieci giallorosso e il tecnico toscano, in seguito all'intervista rilasciata ai microfoni della Rai e alla richiesta di una maggiore considerazione da parte dell'allenatore nei suoi confronti, con tutte le polemiche del caso che ne sono scaturite.

A distanza di qualche settimana, le cose non sembrano cambiate. Infatti, anche alla luce dei 45 minuti giocati da Francesco Tottinel posticipo in casa contro il Bologna, il rapporto tra i due non sembra cambiato e la pace appare molto lontana. Nella conferenza stampa di domenica, Spalletti ha continuato a lanciare frecciatine nei confronti del suo capitano, dichiarando che entrambi sono pagati per far raggiungere alla Roma i traguardi prefissati dalla dirigenza e che, inoltre, continuare a parlare sempre di lui come se lo volessero obbligare a schierarlo in campo, sarebbe irrispettoso nei confronti degli altri componenti della rosa romanista.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A A.S. Roma

I tifosi, dopo aver notato questa spaccatura si sono schierati: c'è chi pensa che l'allenatore abbia ragione perché Totti ormai ha fatto il suo tempo e, di conseguenza, è giusto che si faccia da parte riconoscendo anche la presenza ingombrante che assume all'interno dello spogliatoio giallorosso, e invece c'è chi continua a stare dalla parte del capitano, perché è una leggenda e meriterebbe più rispetto.E voi, lettori e tifosi giallorossi e non, come la pensate?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto