Secondo quanto riporta il quotidiano romano "Il Corriere dello Sport", tra pochi giorni dovrebbe andare in porto la trattativa tra i magnati cinesi del gruppo Evergrande e Silvio Berlusconi per la cessione delle quote maggioritarie della società rossonera. Gli imprenditori dell'Estremo Oriente vorrebbero rilanciare il Milan in Europa e nel mondo, investendo delle cifre molto sostanziose in questa sessione di Calciomercato estivo. Si parla di un budget astronomico: i cinesi avrebbero intenzione di spendere una cifra vicina ai quattrocento milioni di euro in questa sessione estiva.

I tifosi rossoneri possono iniziare a sognare: ecco tutti i dettagli.

Milan, ecco il piano dei cinesi

La cordata cinese dovrebbe fare un importante investimento per modernizzare San Siro, ma nel futuro vorrebbero puntare su un impianto di proprietà. Per quanto riguarda invece la gestione societaria, Barbara Berlusconi dovrebbe essere sostituta da Nicholas Gancikoff, uno degli uomini di punta della cordata cinese. I magnati del gruppo Evergrande hanno poi intenzione di allestire una squadra stellare. In pole position per la panchina rossonera c'è l'attuale tecnico del Siviglia Unai Emery; i cinesi starebbero già lavorando per regalare almeno quattro importanti colpi di mercato all'allenatore basco che ha vinto tre Europa League consecutive con il Siviglia.

Per rinforzare gli esterni il primo obiettivoè Aleix Vidal, giocatore che milita attualmente nelle fila del Barcellona. L'ex Siviglia vorrebbe lasciare il club blaugrana, dato che vorrebbe giocare con continuità, ma su di lui c'è anche l'Inter. Per il centrocampo rossonero la priorità rimane sempre Mateo Kovacic, per il qualeè molto forte anche l'interesse della Juventus.

Altro giocatore sul quale vorrebbero puntare i cinesiè Franco Vazquez del Palermo, che sarebbe il trequartista a supporto di un super attacco. Con Unai Emery sulla panchina del Milan, infatti, si alzerebbero le probabilità della permanenza di Carlos Bacca in rossonero. Ad affiancarlo potrebbe essere Gameiro, pallino del tecnico basco e autore di un'ottima stagione con la maglia del Siviglia.