Attivisti siriani hanno dichiarato domenica che militanti dello Stato islamico hanno distrutto un arco romano di quasi 2.000 anni fa nell'antica città di Palmira, l'ultimo capolavoro archeologico vittima della campagna del gruppo per distruggere i siti storici in tutto il territorio sotto controllo in Iraq e Siria. L'arco di Trionfo è uno dei siti più riconoscibili a Palmira, città centrale conosciuta dai siriani come la 'Sposa del deserto', è occupata da maggio da militanti dell’ISIS. L'arco monumentale è situato in cima alla famosa strada ricca di colonne che collegava l'Impero Romano alla Persia e l'Oriente.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Crimine contro l'umanità

L'osservatorio siriano per i diritti umani, che ha sede nel Regno Unito, ha affermato che un gruppo di occupanti ISIS ha fatto saltare in aria l'arco, ma ha lasciato i portici al loro posto. Un attivista dell'opposizione che utilizza il nome di Khaled al-Homsi ha postato su Twitter la propria testimonianza sul fatto che i militanti abbiano distrutto l'arco. Al-Homsi era il nipote di Khaled al-Asaad, lo studioso ottantunenne di antichità da lungo tempo direttore del sito di Palmira, che parenti e testimoni dicono fu decapitato dai militanti ISIS nel mese di agosto.

Il vasto complesso di epoca romana di Palmira, che comprende anche resti di templi di dei e dee locali, dopo essere stato attaccato dall’ISIS ha subito una distruzione secondo l’interpretazione violenta della legge islamica che ha dichiarato che tali reliquie archeologiche promuovono l'idolatria. Per questo motivo vengono distrutti come parte della loro epurazione dal paganesimo. Tuttavia, si ritiene che l'Isis cerchi anche di svendere le antichità saccheggiate, come finanziamento che ha portato ad ingenti somme di denaro contante.

Altri due templi distrutti

Nelle ultime settimane, i militanti ISIS hanno fatto saltare in aria altri due templi famosi, sempre a Palmira. Le immagini satellitari hanno mostrato i templi, ciascuno di quasi 2.000 anni, ridotti in macerie. Sono state anche distrutte tre torri di tombe antiche.

I migliori video del giorno

Il tempio di Baalshamin, una struttura di enormi blocchi di pietra ricoperti da diverse storie scolpite, alto e fronteggiato da sei colonne imponenti, era stato dedicato ad un dio della tempesta e della pioggia. Il nome significa letteralmente 'Signore dei Cieli'.

Il tempio ancora più grande e leggermente più antico di Bel, risalente al 32 dC, è stato una fusione unica di architettura greco-romana antica ed era stato dedicato al dio semitico Bel. È considerato uno degli edifici religiosi più importanti del primo secolo. Il tempio era costituito da un santuario centrale, all'interno di un cortile porticato con un grande ingresso, facente parte di un complesso che dispone di altri ruderi, tra cui un anfiteatro ed alcune tombe.

Prima dello scoppio della guerra in Siria nel marzo 2011, il sito di Palmira è stato una delle principali attrazioni turistiche del Medio Oriente. Molti siti sono stati danneggiati da quando è iniziata la guerra, ma funzionari governativi siriani dicono di aver trasferito circa 300.000 manufatti in luoghi sicuri negli ultimi anni, persino da aree controllate dall’Isis. Oltre ai siti pre-islamici, i militanti hanno preso di mira anche chiese, moschee e musei.