Il punto in casa viola dopo lo 0-0 interno contro il Milan: c'è speranza per il futuro?Fiorentina-Milan è finita in archivio con molti rimpianti da parte dei tifosi, specie considerando il calcio di rigore sbagliato da Ilicic. Nella scorsa stagione fu proprio lo sloveno a chiudere la contesa con il penalty che chiuse la partita sul 2-0 (la prima rete era stata di Alonso, ora al Chelsea). La squadra viola ha costruito assai più del Milan, anche se i rossoneri con Bacca hanno rischiato di andare in vantaggio, sfruttando un clamoroso liscio di Sanchez.

Chi si aspettava un disastro dopo la campagna acquisti sottotono è rimasto irrimediabilmente deluso: la Fiorentina ha attualmente otto punti, ha perso solamente la prima a casa della Juventus scudettata, ha pareggiato ad Udine in rimonta ed ha superato Chievo e Roma, anche se solo di misura e nella gara contro i giallorossi la rete è stata viziata da un fuorigioco.

Considerando che c'è ancora da recuperare la gara interrotta a Genova sponda rossoblu (gara sospesa al 27' del primo tempo a fronte del nubifragio,ndr) questa squadra può ancora ambire alle alte sfere della classifica.

Certo, è ancora prematuro per poterlo dire con certezza, ma domenica sera al Franchi si è vista grinta e voglia di vincere. Babacar, pur entrando verso la fine, ci ha dato dentro come non mai, Milic è una bella sorpresa, Sanchez, liscio a parte, pare essere una garanzia e Borja Valero ci sta mettendo l'anima. Pazienza se Rodriguez è apparso sotto tono enon vede ancora la porta: la strada è ancora lunga e tempo ci sarà per mettere a posto le cose per bene.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Fiorentina

Intanto in casa la porta di Tatarusanu è ancora inviolata, e non è poco (il gioco di parole non è voluto, credeteci o meno). Bernardeschi sta crescendo, Chiesa come rincalzo va bene ed è un giovane interessante, come Hagi, anche se il romeno figlio d'arte gioca ancora in Primavera. Adesso testa all'Europa League: anche se il Qarabag è sconosciuto, non bisogna mai abbassare la testa. Poi domenica si va a torino, sponda granata: al di là del gemellaggio, siamo sicuri che la squadra di Mihajlovic darà il 100%.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto