Dopo che in Fininvest si sono fatte le ore piccole e, in attesa di comunicati ufficiali, tutto può ancora accadere in un senso o nell'altro, o nell'altro ancora, la resa dei conti del giorno successivo al martedì nero del Closing rossonero non può che essere mediatica. Esclusivamente mediatica. In assenza, purtroppo per i tifosi rossoneri, di fatti definitivi e significativi sul futuro del Milan. Come accade infatti per ogni grande evento mediatico, ci sono gli schieramenti giornalistici.

Costruiti attorno alle fonti, in un gioco delle parti che è sempre esistito e sempre esisterà, con un discrimine, una linea di confine, determinate dalle figure di riferimento di ciascun giornalista. Sulla vicenda closing Milan, è però accaduto qualcosa di diverso e qualcosa di più. Due giornalisti, assolutamente, per chi li conosce entrambi, due brave persone e due professionisti in buona fede, hanno animato il dibattito social con posizioni radicalmente diverse fra loro, finendo per incarnare due opposti estremismi autenticamente convinti delle rispettive posizioni: Cristiano Ruiu da una parte, Pasquale Campopiano dall'altra.

La posizione di Ruiu: cessione Milan inesistente

Il giornalista del gruppo Mediapason ha sempre scritto, detto, pensato e argomentato che non ci sarebbe stata nessuna cessione del Club rossonero, che sono sempre mancate vere e concrete basi sia economiche che societarie per una reale svolta della proprietà del Milan. Ha sostenuto una posizione che per settimane è stata molto impopolare fra i tifosi rossoneri e che ha acquisito invece moltissima considerazione, dopo i fatti del 28 Febbraio e dopo l'inversione a U verso la proroga del closing del Milan.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Milan

Quello che è stato molto brutto: gli insulti profondamente ingiusti e volgari rivolti al collega sui social da Settembre ad oggi, mentre sosteneva legittimamente la sua posizione. Quello che a giudizio dei tifosi non deve accadere oggi: un eccesso di sorrisi e di entusiasmo "post", perchè la situazione del Milan resta a questo punto molto delicata e, al netto del riconoscimento da parte di tutti, non è mai troppo tardi, della buona fede di Ruiu e della relativa gratificazione professionale, non si scorge in giro qualcosa da festeggiare sia all'interno che a latere del Milan stesso..

La posizione di Campopiano: tutto procede

Il giornalista campano, già collaboratore del Corriere dello Sport, ha riferito e raccontato un mondo diverso, una reale trattativa per l'acquisizione del Milan, senza tuttavia nascondersi le difficoltà e le contraddizioni prima della vicenda Galatioto-Gancikoff e poi dello sviluppo Yonghong Li-Sino Europe. In base ai fatti e alla loro concatenazione, spesso controversa e quindi destinata a non essere compresa dal grande pubblico, Campopiano è stato vissuto dai tifosi milanisti come una figura rassicurante: tutto procede e tutto è sottoscritto nero su rosso, le sue parole d'ordine, in definitiva i suoi hashtag di riferimento.

Anche in questo caso deve esserci un equilibrio, una livella, come avrebbe detto un grandissimo corregionale di Pasquale, fra gli elogi e le ovazioni di prima e il risentimento di oggi. Questo valeva e vale sia per Cristiano che per Campopiano: i giornalisti rispondono delle loro sensazioni professionali e delle loro linee, non hanno secondi fini e non sono ne proprietari di società calcistiche o di fondi d'investimento, ne protagonisti con advisor e avvocati al tavolo delle trattative.

Le loro posizioni sono sempre da rispettare, anche quando non sono premiate dai fatti o anche quando non sostengono quello che, nei momenti caldi di vicende come quella del closing del Milan, il tifoso vuole a tutti i costi sentirsi dire.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto