Stadio Zaccheria, domenica 5 marzo 2017. Il Foggia di Giovannino Stroppa sta affrontando la quotata Juve Stabia nello scontro diretto che potrebbe regalare ai rossoneri la momentanea prima posizione in classifica. E, per effetto del gol segnato da Fabio Mazzeo, i padroni di casa sono in vantaggio e assaporano il profumo della vetta. Ma ad un certo punto si verifica qualcosa di veramente bello: il secondo tempo è iniziato da poco quando in curva sud viene esposto uno striscione che recita: "4-3-3 e penso a te!!! Auguri Zeman". E, subito dopo, in un'atmosfera di entusiasmo, parte il famigerato coro "olè olè olè olè, Zeman Zeman!", che tutti a Foggia conoscono bene perché ha segnato un'epoca, quella legata al calcio spettacolo che vide i rossoneri protagonisti di stagioni importanti sia in serie B, con il campionato 1990/91 dominato e stravinto con ben cinque giornate di anticipo, e sia in serie A, tanto da segnare in maniera indelebile la storia del calcio, non soltanto foggiano, ma anche nazionale o addirittura mondiale.

Quel Foggia faceva sognare i suoi tifosi e faceva divertire tutti gli addetti ai lavori, raccogliendo consensi e complimenti dappertutto. Ebbene, da qualche settimana Zeman è tornato ad allenare, sedendo sulla panchina del Pescara, dove in passato ha vinto alla grande un campionato di serie B, raggiungendo nella gara di sabato contro la Sampdoria l'importante traguardo delle 1000 partite da allenatore. Ben mille volte in cui si è seduto su una panchina in gare ufficiali. Un traguardo davvero notevole a coronamento di una carriera importante. Ecco perché la curva sud e l'intero pubblico foggiano hanno voluto dedicare un pensiero al "maestro", ed essergli vicini, facendo sentire la propria presenza, seppure a distanza.

Peccato che la festa per le mille panchine sia stata rovinata dalla sconfitta del Pescara contro la Sampdoria che si è imposta 3-1 in casa contro gli abruzzesi. In compenso, Zeman può contare sulla stima della gente che gli vuole bene, e lo striscione apparso allo Zaccheria è una lampante dimostrazione di affetto nei suoi confronti.

Un affetto sincero e genuino per una persona che ha saputo regalare emozioni ma che si è anche fatto portatore di valori importanti che nel calcio di oggi si stanno perdendo. Tra alcune settimane Zeman sarà probabilmente allo Zaccheria per assistere a Foggia-Reggina, dato che la compagine amaranto è allenata da suo figlio Karel. Sarà una grande giornata di emozioni tra passato e presente che si incontrano. E sarà un piacere rivedere il maestro nello stadio che, nonostante tutto, rimane sempre la sua casa.