La Juventus è la seconda finalista della Tim Cup. È questo il responso della semifinale di ritorno di ieri sera, conclusasi con la vittoria del Napoli per 3-2. Una prestazione coraggiosa non basta al Napoli per ribaltare al San Paolo il risultato della partita di andata. I giocatori di Sarri, nonostante la vittoria, escono dalla competizione, puniti da un Higuain sontuoso sotto porta.

I fischi non sembrano pesare al campione argentino, che trascina la Juventus alla terza finale consecutiva di Tim Cup, traguardo mai raggiunto da una squadra italiana.

Le pagelle

Le Pagelle del NAPOLI

REINA 5 - Tornato dopo qualche acciacco, appare decisamente colpevole sul primo gol di Higuain. Meno reattivo rispetto al solito.

HYSAJ 6 - Prestazione nella norma, qualche buona sgroppata alternata a diverse imprecisioni nei cross.

CHIRICHES 4 - Sciagurato sul retropassaggio che mette Rincon solo davanti a Reina, viene beffato dall’ex compagno Higuain in occasione di entrambi i gol juventini.

KOULIBALY 6 - Una buona prova per il centrale di Sarri. Limita Dybala e raddoppia spesso su Cuadrado.

GHOULAM 6 - Disorientato da Cuadrado, è comunque una spina nel fianco della difesa juventina.

ZIELINSKI 6,5 - Sempre nel vivo del gioco e preciso nei suggerimenti verso i compagni in attacco (Dall'82' ALLAN sv).

DIAWARA 6,5 - Gioca con la personalità di un veterano, vedasi il sombrero su Khedira, non un giocatore qualsiasi.

HAMSIK 7 - Ancora una volta punisce la Juventus, vittima preferita della sua carriera. La sostituzione (inspiegabile) gli nega l’assalto finale (Dal 76' PAVOLETTI 6 - Ci prova con una mezza girata deviata in angolo).

CALLEJÓN 6 - Si divora il vantaggio nel primo tempo, ma si riscatta con una bella azione conclusasi con l’assist per il gol di Insigne.

MILIK 5 - Si vede che non è ancora al top della condizione (Dal 61' MERTENS 6,5 - Ringrazia Neto e riapre il match dopo 9 secondi dall’entrata in campo).

INSIGNE 6 - Realizza il gol che tiene vive le speranze del Napoli, ma è leggermente più impreciso del solito nelle conclusioni.

ALL. SARRI 5,5 - Nonostante i cambi non riesce nell’impresa. Un errore non schierare Mertens dall’inizio.

Le pagelle della JUVENTUS

NETO 5 - Il voto è la media tra le buone parate e il disastro che combina, regalando il gol a Mertens. A questi livelli certi errori non sono permessi.

DANI ALVES 5 - I mesi passano, ma l’ex Barcellona ancora non convince. Marcatura su Insigne da rivedere.

BONUCCI 5,5 - Meno preciso del solito, complice l’evidente mancanza di feeling con Benatia.

BENATIA 5,5 - In ritardo su due dei tre gol del Napoli, non sembra essere totalmente sicuro quando è in possesso di palla.

ALEX SANDRO 6,5 - Protagonista di un grande duello con Callejon, continua a dimostrarsi una pedina fondamentale di questa Juventus.

RINCON 5,5 - Mezzo voto in meno per il gol che si mangia nel primo tempo. Nel complesso una buona partita davanti alla difesa (Dal 70' PJANIC 5,5 - Ammonito, salterà la finale).

KHEDIRA 6 - I giocatori come lui sono fatti per partite come queste. Combatte, lotta, tiene il campo.

CUADRADO 7 - Ancora una volta fa la differenza. Assist, dribbling riusciti, corsa (e qualche tuffo di troppo).

DYBALA 5,5 - In ritardo di condizione dopo l’infortunio, ha bisogno di minuti nelle gambe per tornare al top (Dal 76' BARZAGLI 6 - Roccioso come sempre, utilissimo per respingere l’assedio finale)

STURARO 6,5 - È sempre al posto giusto e innesca il primo gol di Higuain. Tecnicamente non sarà il migliore, ma avercene di giocatori così (Dal'86' LEMINA sv).

HIGUAIN 8 - Core ‘ngrato punisce i suoi ex tifosi come meglio non poteva fare. Due zampate da campione regalano alla Juventus una storica terza finale consecutiva.

ALL. ALLEGRI 6,5 - Nonostante i cambi di formazione, imposta una partita decisamente meno difensiva di quella di campionato. E ottiene la finale. Meglio di così non si può.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto