Dopo l'ultima sconfitta del derby e l'avvicinamento in classifica del Napoli, il ds Ramon Monchi torna a Trigoria con la voglia di vincere. Fondamentale è, soprattutto, mantenere il secondo posto, e Monchi non ha alcuna voglia di fare brutta figura, anche se, vista l'imminente chiusura del campionato, ormai riuscirà a fare ben poco. Ma non è arrivato qui per non vincere, precisa ed esordisce così nella breve conferenza stampa di questa mattina.

Le dichiarazioni

Il ds ha voluto affrontare le varie problematiche che preoccupano il club, a cominciare da fatto che non si vince da tanti anni, del mercato, delle strategie e, infine, dei rinnovi o meno di alcuni contratti.

Ma a colpire è stata una sua motivazione particolare, che riguarda la sua voglia di essere se stesso. Monchi ci ha tenuto a precisare che ha scelto Trigoria perchè con l'As Roma vuole e riesce ad essere se stesso. Inoltre, non si è risparmiato di parlare alla stampa di Spalletti, che, secondo il nuovo ds, sarebbe proprio il motivo principale per cui abbia deciso di lavorare con i giallorossi. Il ds, ha sottolineato che è entusiasto ancor di più per questa opportunità di collaborare con Spalletti e che non è questo, però il momento di distrarsi, poichè la priorità è esclusivamente mantenere il secondo posto. Senza tralasciare il tentativo di trattenere Luciano ancora nel club.

Totti, ed il futuro della squadra

Su Francesco Totti ha dichiarato che è una presenza fondamentale, essendo praticamente cresciuto nel club, e che, oltre ad aiutarlo ad integrarsi ed inserirsi, a cominciare dalle cose più semplici, come imparare i nomi di tutti e la lingua italiana, lo vuole assolutamente vicino per capire la Roma.

Egli, per Monchi, è l'unico che può aiutarlo in questo, e se riuscirà ad apprendere almeno l'1% di ciò che Totti sa del club, si sentirà fortunato. A sorpresa, inoltre, rivela che per il capitano il prossimo anno sarà dedicato alla dirigenza del club, e che questo è l'ultima stagione che lo vedrà in campo.

Mercato

Per quanto concerne vendite ed acquisti, rinnovi e scadenze, ha confermato il rinnovo sicuro di Daniele De Rossi.

Una cosa fondamentale è stato il fatto che Monchi ci ha tenuto a sottolineare che la sua strategia e la sua linea di mercato sono molto serie. Non è qui per vendere fumo, ripete, in vista del fatto che la Roma non necessariamente è costretta a vendere, però sarà importante analizzare le offerte che perverranno in termini di remunerazione ed obiettivi tecnici. Perchè, chiude, non esiste alcun cartello con la scritta Vendesi, ma sicuramente quello del Qui si vince.