Crotone in fermento nonostante la conclusione del primo campionato di Serie A. Il popolo rossoblu ha ripreso l'ardore che ha caratterizzato la cavalcata promozione dalla Serie B; una salvezza giunta all'ultima giornata che ha inserito nella storia del torneo di massima serie gli "squali", unica formazione al debutto a riuscire a conquistare la salvezza partendo da una base di soli nove punti conquistati nel girone di andata. Con un rush finale da Champions League, la squadra rossoblu ha saputo tenere aperta la corsa salvezza, conquistando l'agoniato obiettivo stagionale proprio in prossimità del traguardo, mandando in cadetteria la formazione toscana dell'Empoli.

Incontro per Budimir

A tenere banco in casa Crotone è però il mercato; con la questione legata al futuro della guida tecnica della squadra che sembra delinearsi con la conferma di Davide Nicola, partito tra l'altro per il suo "Giro d'Italia" personale, in modo da celebrare la salvezza raggiunta, il Crotone sta iniziando a pensare in ottica futura meditando su quelli che dovranno essere i correttivi da apportare alla squadra nel prossimo torneo. Sicura la partenza del bomber principe, Diego Falcinelli che tornerà tra le fila del Sassuolo per fine prestito, si guarda nuovamente ad una trattativa che ha caratterizzato il mese di Gennaio e porta il nome dell'attaccante croato, ante budimir.

Il "Cigno di Zenica", protagonista della stagione del Crotone che ha portato alla promozione non ha trovato spazio tra le fila della Sampdoria e starebbe spingendo per un pronto ritorno in Calabria.

Una situazione in divenire come fa sapere l'emittente televisiva "SkySport", secondo la quale nella giornata di sabato 10 giugno andrà in scena un incontro tra i dirigenti rossoblu e quelli della Sampdoria per riprendere una trattativa che sembra destinata questa volta ad andare in porto. Il ragazzo vuole fortemente tornare al Crotone con la squadra che ne ha esaltato le doti affidandogli un posto da titolare della squadra.

La società, vede di buon occhio il suo ritorno apprezzandone non solo le doti tecniche ma anche quelle umane. Da valutare la tipologia della cessione, se in prestito o a titolo definitivo. Un ritorno quello di Ante Budimir che potrebbe fare alzare l'entusiasmo già alle stelle di una piazza che ha fame di calcio e vuole svolgere un ruolo da protagonista e non più da "cenerentola" nella prossima stagione.