Stagione conclusa e calciatori che dopo il rompete le righe canonico, partono per le vacanze al termine di un finale di stagione intenso e logorante. Il campionato di Serie A, che è stato mandato agli archivi da circa sette giorni tornerà tra qualche mese, ma l'attesa potrebbe essere infiammata, come in ogni estate, non solo dalle elevate temperature ma anche dalle voci legate alla campagna acquisti, da sempre uno dei momenti più appassionanti di città e tifoserie. Per il Crotone, compagine salvatasi all'ultima giornata a discapito dell'Empoli, al termine di una lunghissima rincorsa, potrebbero esserci novità nella formazione che disputerà il suo secondo campionato di Serie A.

Atalanta, piace Crisetig

Uno dei punti di forza, titolare inamovibile della squadra guidata dal tecnico Davide Nicola, con tenacia e dedizione, è senza dubbio Lorenzo Crisetig, centrocampista classe 1993, cresciuto nel settore primavera dell'Inter. Per il talento friulano, una breve esperienza allo Spezia prima dell'arrivo a Crotone, squadra con la quale da protagonista ha spiccato il volo verso la massima serie giungendo prima al Cagliari e dopo al Bologna. In estate, il nuovo ritorno in terra di Calabria dove è diventato un cardine del centrocampo, portando a casa trentadue presenze, frutto di prove di qualità e di sostanza. Messosi in mostra, il calciatore sarebbe ora ambito dalla squadra che ha sorpreso il campionato, l'Atalanta dell'ex tecnico degli squali, Gian Piero Gasperini che è alla ricerca di rinforzi dopo le partenze di Gagliardini (passato all'Inter) e Kessie (prossimo sposo al Milan).

La lunga estate

Il ritorno al Napoli di Grassi avrebbe fatto propendere il club bergamasco verso la valutazione del talento rossoblu che rimane comunque di proprietà del Bologna. In una lunga estate, ci potrebbero essere novità, anche se, con la squadra neroazzurra Lorenzo Crisetig dovrebbe guadagnarsi una maglia da titolare.

Una situazione che potrebbe fare riflettere a lungo. Tutto rimane legato alle scelte che le diverse società metteranno in campo, tutto passerà prima di tutto dalla conferma o dall'eventuale cambio di guida tecnica, dove tutto in casa pitagorica sembra ancora da decidere; solo dopo i direttori sportivi, preso atto delle scelte societarie inizieranno a imbastire le rose delle squadre che, da agosto, inizieranno a competere nell'avvio di stagione.