È da quando si è iniziato a parlare di mercato nel 2017 che, in casa Inter, si attendono notizie provenienti dalla Francia. Una sorta di attesa in nome di indiscrezioni che, da tempo, parlano di contatti fitti e colloqui frequenti tra il club nerazzurro ed il Paris Saint Germain. Il direttore sportivo transalpino Henrique è stato a Milano il mese scorso ed ha incontrato gli omologhi interisti, ma ad oggi rispetto a centinaia di voci non si è verificata neanche una previsione su trattative concrete. Il mercato, però, è ancora lungo e potrebbero crearsi delle situazioni che potrebbero riproporre il sodalizio tra le due società.

Mercato Inter: nodo terzino

Secondo quanto riporta il sito internet fcinter1908 il noto esperto di mercato Alfredo Pedullà ha provato a capire quali potrebbero essere i particolari che rischiano di riallacciare le fila dei rapporti di mercato tra i due club.

L'arrivo di Dani Alves a Parigi ha azzerato gli spazi per Aurier, che era un profilo che era stato sondato dall'Inter. Il calciatore sarebbe stato proposto al club italiano, ma senza riscuotere l'interesse della formazione meneghina. A non convincere sarebbero alcuni aspetti caratteriali ed anche la valutazione fissata dai francesi: 20 milioni per il calciatore sembrano davvero troppi.

Calciomercato Inter, la sorpresa

Sempre Pedullà fa sapere che potrebbe aprirsi un po' a sorpresa una pista importante per la trequarti nerazzurra. Javier Pastore, infatti, potrebbe essere giunto al capolinea della sua esperienza nella Ligue 1 e sarebbe un calciatore che andrebbe a nozze col modo di giocare di Luciano Spalletti: in un 4-2-3-1, infatti, potrebbe occupare praticamente tutti i ruoli della trequarti, a seconda delle esigenze del tecnico.

Le condizioni favorevoli potrebbero essere legate da tanti aspetti: primo fra tutti un contratto che scade nel 2019 e il Paris Saint Germain potrebbe avere interesse a cederlo prima di arrivare a dodici mesi dalla scadenza. Questo aspetto potrebbe tradursi in un prezzo vantaggioso per il cartellino di un calciatore che è nato nel 1990 e ha un'età tale da poter giustificare un investimento importante.

E poi non bisogna dimenticare, secondo quanto sostiene Pedullà, che a fare la differenza potrebbero anche essere i rapporti eccellenti tra Walter Sabatini ed il procuratore del giocatore. I prossimi giorni aiuteranno a capire se l'idea può decollare.