Dopo la vittoria di misura in Romania, il Milan non si fa sorprendere e a San Siro mette a segno due reti, con una prestazione degna di nota nonostante la condizione fisica non ancora al meglio e il caldo insopportabile. Prima dell'inizio della partita sono stati presentati in mezzo al campo gli ultimi due acquisti della campagna rossonera, Lucas Biglia e Leonardo Bonucci. L'accoglienza per Donnarumma è stata molto calorosa, al contrario di come pensavano alcuni.

Gli highlights della partita

Inizia subito forte il Milan e al minuto 7 ecco arrivare il gol di Kessié che viene però annullato per fuorigioco di Cutrone.

Il gol è però solo rimandato, passano pochi minuti ed ecco arrivare da situazione di calcio d'angolo il gol di Bonaventura, 1-0. Al minuto 20 è però il Craiova con Mitrita a rendersi pericoloso, solo davanti alla porta si schianta però contro il gigante Gigio Donnarumma (applauditissimo dal pubblico di San Siro). Al minuto 43 il Milan torna vicinissimo al gol, sinistro di Suso respinto da Calancea, arriva a rimorchio Conti che però non inquadra la porta. Inizia il secondo tempo così come si era concluso, al minuto 52 il Milan segna il 2-0 con la zampata di Cutrone che su punizione di Rodriguez anticipa il portiere del Craiova, Calancea. Al minuto 62 punizione dal limite dell'area per il Craiova ma la palla finisce sopra la traversa in seguito ad una deviazione di Donnarumma.

Entrano in campo due nuovi acquisti rossoneri, Calhanoglu e Silva, il primo cerca di mettersi in mostra maggiormente rispetto al secondo. Finisce la partita dopo 3 minuti di recupero, il Milan supera 2-0 il Craiova con gol di Bonaventura prima e Cutrone poi.

Le pagelle dei rossoneri

Donnarumma (7): Si fa trovare pronto, così come all'andata, nell'unica chiara occasione da rete del Craiova.

Applauditissimo dai tifosi sugli spalti.

Conti (6,5): Partita di corsa continua, vicinissimo al gol ma arriva stanco alla battuta e spedisce la sfera a lato. L'intesa con Suso è già ottima.

Zapata (6): Partita di ordinaria amministrazione, un po' più distratto del compagno di reparto.

Musacchio (6,5): Da continuità alla buona prestazione della partita d'andata, non sbaglia niente.

Rodriguez (6): Il difensore più in difficoltà, complice anche Niang che non lo aiuta molto. Il cross che ha portato al 2-0 di Cutrone però è suo.

Kessié (7): Fino a quando la condizione fisica regge è fantastico, chiude ogni spazio e riparte veloce. Il gol annullato? Una perla.

Locatelli (6): Qulache errore di troppo nel primo tempo, nel secondo prende coraggio e riesce a chiudere numerose azioni degli uomini di Mangia sul nascere.

Bonaventura (7): Segna il gol dell'1-0, alterna buone cosa ad altre un po' meno, la condizione ancora non è delle migliori. (dal 81' Borini sv).

Niang (5,5): Il giocatore più in difficoltà della squadra, poco concreto, sbaglia numerosi passaggi.

Suso (6,5): Ritorna in campo dopo molto tempo, prestazione ottima, quando punta l'uomo è imprendibile.

Costretto ad uscire per la scarsa condizione fisica. (dal 65' Calhanoglu 6, rispetto al compagno di squadra Silva cerca di mettersi in mostra aiutando i compagni a segnare il terzo gol).

Cutrone (7,5): Assolutamente il migliore in campo, corre, si inserisce, aiuta la squadra ma soprattutto segna. Alla prima da titolare a San Siro non sbaglia un colpo. Costretto ad uscire dal capo per i crampi. (dal 71' André Silva 5,5, partita come all'andata opaca, condizione fisica ancora altalenante).

L'accoglienza di San Siro alla squadra

Non si vedeva da molto tempo San Siro così affollato, i numeri ufficiali parlano di 65.763 spettatori e di oltre 2 milioni di euro di incassi. La sfida ha fissato il nuovo record di spettatori in una partita di qualificazione di Europa League, migliorando il primato di 65.190 spettatori del match Dortmund-Wolfsburg.

I tifosi rossoneri hanno esposto numerosi striscioni, fra cui "è triste il mio cuore lontano da te", "Mirabelli e Fassone gli acquisti più importanti della stagione".