L'ultima gara di andata del girone D di Champions vede la Juventus sfidare lo Sporting Clube de Portugal. Bianconeri obbligati a riscattarsi dopo la pessima prestazione in casa del Barcellona, con il successo degli spagnoli per il risultato di 3-0. Motivazioni ulteriori per la squadra di Allegri anche per una serie di risultati poco positivi ottenuti in campionato contro l'Atalanta e più recentemente contro la Lazio, che ha battuto i campioni in carica lo scorso Sabato.

Le scelte di formazione della Juventus

Allegri decide di andare sul sicuro schierando il classico 4-2-3-1 con Dybala dal primo minuto e il ritorno di #Cuadrado sulla destra.

In difesa Benatia ad affiancare Chiellini, mentre a centrocampo Khedira dal primo minuto e riposo per Blaise Matuidi.

La cronaca della partita

Molto sorprendente la squadra ospite che parte subito forte con un pressing alto e con i giocatori aggressivi. In difficoltà la Juventus che dopo poco più di 10 minuti va sotto di un gol. Cuadrado e Sturaro fanno confusione regalando il pallone agli avversari che trovano l'inserimento di Gelson Martins alle spalle della difesa; Buffon salva sul tiro dell'attaccante che però finisce addosso a Alex Sandro che trova una sfortunata ribattuta nella propria porta.

A rimettere le cose in ordine ci pensa il piede magico di Miralem Pjanic che trova il gol del pareggio con una punizione perfetta all'incrocio su cui non può niente l'estremo difensore Rui Patricio.

Nella ripresa partita ancora insidiosa per la Juve che deve rinunciare a Benatia per un problema fisico. Nonostante qualche azione potenzialmente pericolosa, il gioco fatica a decollare fino a quando Allegri decide di far entrare Douglas Costa al posto di uno stremato Sturaro. Pronti via e il brasiliano punta un avversario arrivando sul fondo nella zona sinistra del campo e mettendo in mezzo un cross delizioso per Mandzukic che nonostante la marcatura stretta, svetta sul difensore dei portoghesi e di testa trova la rete decisiva.

Quarta marcatura di fila in Champions per il croato.

Finisce 2-1 per la Juventus.

Juventus: le pagelle

Buffon 6; Sturaro 5,5 (Douglas Costa 6,5)- Benatia 6 (Barzagli 6) - Chiellini 6,5 - Alex Sandro 5; Pjanic 6 - Khedira 5,5 (Matuidi 6); Cuadrado 6 - Dybala 5,5 - Mandzukic 6,5; Higuain 6

Juventus: i top

Mandzukic 6,5: nonostante la poca brillantezza in fase di costruzione, il croato dà l'anima per aiutare i compagni e trova un gol per niente semplice mettendo al momento al sicuro il discorso qualificazione.

Chiellini 6,5: anche oggi il centrale bianconero è un guerriero e spadroneggia nella propria area di rigore arrivando su tutti i palloni.

Douglas Costa 6,5: in pochi secondi trova lo spunto giusto per mandare in rete il suo compagno di squadra.

Juventus: i flop

Alex Sandro 5: non la miglior prestazione del terzino brasiliano che perde spesso i duelli individuali e sembra poco volenteroso in fase propositiva.

Khedira 5,5: poca sostanza per il centrocampista tedesco che è poco presente nel gioco e troppo lento nel pressing sugli avversari.

Dybala 5,5: partita opaca della Joya che mostra le sue qualità solo a sprazzi e soprattutto nel secondo tempo è poco determinante.

Girone D: cosa dice la classifica

Con la vittoria scontata del Barcellona contro l'Olympiakos, situazione attuale ampiamente prevedibile nella classifica del Girone D. I greci restano a 0 punti, così come i portoghesi restano a 3 punti. A guidare la classifica il Barcellona a punteggio pieno (9 punti), seguiti dai bianconeri a 6 punti.

Prossima partita di fondamentale importanza per gli uomini di Allegri che si giocano una fetta enorme di qualificazione martedì 31 ottobre nel match di ritorno contro lo Sporting.