Il Milan è stata, almeno per quanto riguarda la somma spesa, l'assoluta regina della scorsa sessione di calciomercato. Il duo Fassone - Mirabelli ha lavorato molto per portare a Milanello giocatori importanti e riportare in alto la squadra.

Gli acquisti di Chalanoglu, Musacchio, Kalinic, Andrè Silva, Conti, Ricardo Rodriguez, Biglia, Kessie e Bonucci, e l'aver trattenuto Donnarumma, avevano infuso nella tifoseria rossonera un certo qual senso di soddisfazione, come a dire: "quest'anno ci divertiamo"

Le prime amichevoli ufficiali e i turni preliminari di Europa League non avevano deluso le aspettative dei tifosi milanisti e avevano messo in mostra giovani talenti che potevano costituire una valida alternativa ai titolarissimi: uno di questi è Patrick Cutrone, che, a suon di gol, ha subito conquistato il cuore dei tifosi.

Alti e bassi in questo inizio di campionato

Giunti ormai alle porte della tredicesima giornata, che si aprirà sabato 18 novembre con il derby della capitale, è tempo di far bilanci a Casa Milan.

Con soli 18 gol segnati e ben 16 subiti, il Milan occupa la settima posizione, a -4 dalla Sampdoria (che così sarebbe ai preliminari di Europa League) e a -9 dalla Lazio quarta (con i romani che devono recuperare una partita, e potenzialmente staccare il Diavolo di altri 3 punti).

Un bottino abbastanza magro i 19 punti raccolti finora dai ragazzi di Montella, considerando che squadre come le già citate Lazio e Sampdoria, ma anche Inter e Napoli, sembrano essere lontane anni luci come gioco e solidità difensiva.

I 16 gol incassati, con una media gol di 1,2 a partita, non fanno ben sperare.

Eppure l'arrivo di difensori di livello nazionale e internazionale, condito dall'arrivo di Leonardo Bonucci, pagato 40 milioni e a cui è stata affidata la fascia di capitano, sembrava aver risolto il tallone d'Achille che tanto era stato criticato la stagione scorsa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A

Anche i 18 gol finora segnati fanno innervosire i tifosi, visto e considerato che i quasi 60 milioni spesi per André Silva e Nikola Kalinic hanno finora fruttato solamente 3 gol, peraltro tutti segnati dal croato ex Dnipro e Fiorentina.

Molti vorrebbero la testa di Montella, e Conte viene acclamato a gran voce: per ora però la dirigenza resta dalla parte "dell'aeroplanino", che la scorsa stagione era riuscito a trovare un'insperata qualificazione in Europa League dopo una prima parte di campionato abbastanza disastrosa.

Non è però ancora tempo di trarre delle conclusioni definitive, per quelle bisognerà aspettare maggio 2018. La zona Champions non è ancora impossibile da raggiungere e, a detta della dirigenza, resta l'obiettivo principale.

Il Milan però dovrà cominciare a macinare gioco e fare punti, partendo da sabato, dove il Diavolo è impegnato nella difficile trasferta di Napoli, con la squadra di Sarri che, mai come quest'anno, crede allo scudetto, il primo dopo Diego Armando Maradona.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto