Oggi riparte la Serie A dopo la mancata qualificazione dell'Italia al Mondiale, una delusione immensa per milioni di tifosi azzurri. L'ultimo precedente risale al lontano 1958. Altri tempi, altro calcio. Si ricomincerà con una nuova guida in panchina, dopo l'annuncio del presidente della Figc, Carlo Tavecchio: Gian Piero Ventura non è più il commissario tecnico della Nazionale. Intanto, si compone il mosaico delle 32 squadre che parteciperanno a Russia 2018: Arabia Saudita, Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Giappone, Inghilterra, Iran, Islanda, Marocco, Messico, Nigeria, Panama, Perù, Polonia, Portogallo, Russia, Senegal, Serbia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tunisia e Uruguay.

La competizione prenderà il via giovedì 14 giugno, alle ore 18, a Kazan, e si concluderà domenica 15 luglio, alla stessa ora, a Mosca. Un mese di sfide in dodici stadi. Due esordienti, Islanda e Panama. Fra le blasonate, oltre all'Italia, restano a casa anche Olanda e Cile. Stesso destino per Camerun e Usa.

Gli anticipi del sabato

Archiviato il capitolo Nazionale, il massimo campionato italiano tornerà protagonista alle ore 18 di oggi, con il derby della Capitale. Di fronte, in una partita che si preannuncia ricca di fascino, tirata e combattuta soprattutto sul piano agonistico, saranno la Roma di Eusebio Di Francesco e la Lazio di Simone Inzaghi. In palio tre punti pesanti per l'alta classifica.

I giallorossi sono al quinto posto, solitario, con 27 punti, frutto di nove vittorie, mentre i biancazzurri sono una lunghezza più avanti, dopo nove successi e un pareggio. La stracittadina romana, tutta da seguire, dal 1' al 90', non sarà l'unico anticipo del sabato. Alle 20,45 altro piatto forte del nostro calcio: Napoli-Milan.

I partenopei, primi della classe, non potranno concedersi neppure la minima distrazione. Solo un punto divide il Napoli, a quota 32, dalla Juventus. A 30 c'è l'Inter.

Le partite della domenica

Primo appuntamento della domenica in programma alle 12,30 fra Crotone e Genoa, molto significativa in chiave salvezza. Alle 15 fischio d'inizio per cinque incontri.

Il Benevento dovrà vedersela con il Sassuolo. I campani, ultimi a 0 punti, continuano a credere fermamente nella salvezza, ma per voltare pagina occorre cominciare a vincere. Il Benevento visto all'opera con la Juventus, in trasferta, lascia sperare positivamente i propri tifosi. Ha bisogno di punti pesanti anche la Spal, a tre lunghezze dal terzultimo posto, ma contro la Fiorentina non sarà facile conquistare l'intera posta in palio. Test impegnativo per la Juventus, vice capolista, sul campo della Sampdoria, fra le note più liete delle dodici giornate disputate finora. I bianconeri dovranno tirare fuori una prova maiuscola per avere ragione dei blucerchiati, con sette vittorie e due pareggi all'attivo.

Si preannunciano equilibrate sia Torino-Chievo che Udinese-Cagliari.

Il match del lunedì

Lunedì sarà ancora Serie A con Hellas Verona-Bologna, prevista alle 20,45. Due squadre accomunate dallo stesso ruolino di marcia nelle ultime quattro partite, concluse con altrettante sconfitte. Gli scaligeri hanno perso contro Chievo, Atalanta, Inter e Cagliari. I felsinei sono stati battuti da Atalanta, Lazio, Roma e Crotone. Il Verona, penultimo, non intende lasciarsi sfuggire la seconda vittoria stagionale, perché la posizione di classifica potrebbe complicarsi non poco con un altro passo falso. Il Bologna, invece, ha la concreta possibilità di avvicinarsi alle zone più nobili della graduatoria.