Un pareggio raggiunto grazie ad una autorete nella sfida casalinga contro la Paganese. Per il catanzaro, formazione calabrese militante nel campionato di serie C, il principale tema rimane spostato dal campo ai tribunali per una vicenda, quella del caso "Money Gate", che sembra ormai trascinarsi da cinque stagioni. Coinvolta oltre alla formazione giallorossa, all'epoca dei fatti guidata dal presidente Giuseppe Cosentino, anche la compagine irpina dell'Avellino attualmente in cadetteria, ma all'epoca dei fatti avversaria in campionato del Catanzaro.

A lanciare il campanello d'allarme ed a creare apprensione è la richiesta formulata dalla Procura che potrebbe riscrivere la storia futura del club.

Catanzaro, possibile retrocessione

La vicenda risale alla stagione 2013, quando secondo la ricostruzione effettuata la gara Catanzaro-Avellino sarebbe dovuta terminare con un risultato di parità, a conferma di alcune intercettazioni effettuate dagli inquirenti sull'utenza dell'ormai ex presidente Giuseppe Cosentino, parole espresse che confermerebbero il tentato illecito che poi comunque non si sarebbe realizzato per motivi che non sembrano essere stati ancora chiariti. In quella specifica occasione i neroverdi conquistarono comunque la vittoria festeggiando la promozione in serie B.

La Procura Federale avrebbe quindi proseguito nel corso degli anni le indagini che hanno portato ora alla richiesta di retrocessione all'ultimo posto nella stagione sportiva corrente e la penalizzazione di punti 3 da scontare nel prossimo campionato.

Se ciò non bastasse, a rincarare la dose un deferimento legato a fideiussione non valida che potrebbe portare un'ulteriore penalizzazione in classifica da scontare sempre nel campionato in corso.

Un clima pesante nella cittadina calabrese dove non sembra serpeggiare ottimismo, anzi, tutto sembrerebbe far pensare ad un esito poco favorevole. Il campionato rimane comunque in corso ed in questo senso l'attuale presidenza sta provando a fare quadrato cercando di tutelare il più possibile lo spogliatoio. In attesa della sentenza, la squadra dovrà comunque continuare a giocare cercando, cosi come ha fatto in questi mesi, di portare a casa il maggior numero possibile di punti.

Il Catanzaro attende la sua sorte, la tifoseria aspetta di conoscere il futuro della sua squadra che potrebbe essere nel campionato dilettantistico.