Pescate dall'urna di Nyon le avversarie delle italiane negli ottavi di finale di Champions League in cui la Juventus affronterà all'Allianz Stadium di Torino gli inglesi del Tottenham, mentre la Roma sarà impegnata in Ucraina contro la bestia nera che ha eliminato il nostro Napoli: lo Shaktar Donetsk. sorteggio apparentemente positivo dato che le due uniche squadre italiane rimaste nella massima competizione europea hanno visto scivolare via la terrificante idea di dover scontrare i campioni in carica del Real Madrid o le altre favorite quali PSG o Manchester City.

Ottavi di finale Champions League 2017-18, tutte le sfide

13/02/18 20:45 14/02/18 20:45

JUVENTUS-TOTTENHAM PORTO-LIVERPOOL

BASILEA-MANCHESTER CITY REAL MADRID-PSG

20/02/18 20:45 21/02/18 20:45

BAYERN MONACO-BESIKTAS SIVIGLIA-MANCHESTER UNITED

CHELSEA-BARCELLONA SHAKTAR DONETSK

I Big match

Una tra le partite di cartello di questa fase ad eliminazione diretta, sarà proprio quella che vedrà scontrarsi Tottenham e Juventus oltre al super incontro che tanti davano come possibile finale che vedrà affrontarsi il PSG, rinforzato dall'onerosissima campagna acquisti estiva, in casa dei campioni in carica al Santiago Bernabèu il prossimo 14 Febbraio. Da tenere d'occhio anche lo scontro tra i vincitori della Premier League scorsa guidati da Antonio Conte e il Barcellona che saranno gli ospiti d'onore di un affollatissimo Stamford Bridge che attende questa super sfida prevista per il 20 Febbraio.

I Fortunati

Un grande ringraziamento alla dea bendata viene in particolare da Manchester City e Bayern Monaco che hanno incontrato due squadre più che abbordabili, dato il livello dei giocatori di cui le due compagini dispongono. Gli inglesi incontreranno il Basilea, squadra svizzera dal buon potenziale ma che, con rispetto parlando, rimane ben al di sotto del calibro dei citizens.

I campioni di Germania, invece, incontreranno i turchi del Besiktas, squadra che dispone di qualche buon giocatore da tenere d'occhio, come il giovane Talisca il quale però non potrà fare miracoli contro Lewandowski e compagni che partono nettamente favoriti per il passaggio del turno secondo i bookmakers.

Come di consueto, c'è chi ha festeggiato o chi si è disperato per gli incroci che il fato europeo ha combinato, ma è d'obbligo ricordare che ogni partita non è mai vinta prima di essere disputata come e che i favoriti non sottovalutino i propri avversari più deboli sulla carta e che quest'ultimi non si disperino ancor prima di aver combattuto per provare ad alzare la coppa dalle grandi orecchie.